Ag. Conti:"Il Milan non l'ha mai chiesto, ma è pronto per una big". Un altro giocatore sopravvalutato dalla situazione, da cedere alla prima offerta dopata.

 di Luca Ronchi  articolo letto 1584 volte
Ag. Conti:"Il Milan non l'ha mai chiesto, ma è pronto per una big". Un altro giocatore sopravvalutato dalla situazione, da cedere alla prima offerta dopata.

La redazione di MilanNews.it ha contattato Mario Giuffredi. Con l'agente di Andrea Conti, terzino dell'Atalanta autore di 7 reti in questa stagione di Serie A, abbiamo parlato della possibilità che il suo assistito vesta la maglia rossonera nella prossima stagione: "Non mi ha chiamato nessuno del Milan personalmente, so che Mirabelli stima il giocatore e gli piace tanto. Una cosa però è stimare il giocatore, l'altra volerlo e trattarlo. Se può rientrare nel discorso con Kessie? Non so se quando si vedono Milan e Atalanta parlano anche di Conti. Sicuramente noi stiamo vagliando tutte quelle che possono essere le situazioni per Conti e stiamo portando avanti i discorsi con altre società che ci hanno interpellato. Il Milan non ci ha mai interpellato, quindi la riteniamo una cosa non vera, nel senso che finchè la squadra non ti chiama per noi non è vero niente. Poi, chiaro che il Milan è sempre il Milan, stiamo parlando del club più titolato al mondo dopo il Real Madrid, quindi il fascino è sempre grande. Penso sia normale che Conti, così come tutti gli altri giocatori, abbiano la voglia di andare al Milan. Se ci sarà questo interesse concreto, ben venga, ne saremmo contenti".

Andrea Conti, come tutti gli altri giovani fatti passare per fenomeni grazie a un'annata straordinaria, dove si è creata un'alchimia perfetta, è un giocatore che in una squadra che adotta il 4-3-3 o 4-2-3-1 come i rossoneri, non c'entra proprio nulla. Possiamo considerarlo un esterno di centrocampo di spinta per un 3-4-3 o un 3-5-2, ma se deve difendere, va nettamente in difficoltà.  

E' un altro giocatore che tolto da questo contesto magico creato quest'anno in casa Atalanta, sparirà dai radar del calcio, tra panchina, qualche presenza in Coppa Italia e nulla più. Se arrivasse un'offerta sui 10 milioni, è da cedere al volo