Mercato pazzo, offerte monstre per Cladara. In attesa di Pasalic si pensa alle uscite. Anche le piccole investono per ridurre il gap con le grandi. Plus valenza Mattiello misteriosa.

20.07.2018 06:17 di Luca Ronchi  articolo letto 5200 volte
Mercato pazzo, offerte monstre per Cladara. In attesa di Pasalic si pensa alle uscite. Anche le piccole investono per ridurre il gap con le grandi. Plus valenza Mattiello misteriosa.

Prima di parlare di Atalanta, non può passare sotto silenzio l'offerta mostruosa fatta dal Chelsea e Borussia Dortumund per Caldara di 40mln. L'ex nerazzurro non ha ancora fatto nemmeno una partitella d'allenamento con la Juve che il prezzo del cartellino è già triplicato in un anno. Sono cose folli, plus valenze che qualunque squadra avrebbe fatto al volo, ma non la Juve che se lo terrà stretto, magari rivendendolo tra 2 anni a 60mln (con il rischio flop). Qualcuno dirà: poteva tenerlo l'Atalanta ancora un anno e rivenderlo. Eh no, perchè squadre come l'Atalanta, al massimo possono vendere giocatori a 25-30, non potranno mai tenere giocatori da 50-60, devono cederli prima. Poi il prezzo salirà in modo esponenziale nei top club, solo per il fatto di chiamarsi Juve, Barcellona, City etc etc. 

In attesa che il principe Pasalic torni dall'inutile tournee australiana (i motivi sono poco chiari), a centrocampo, si pensa a piazzare ancora un colpo o due. Il sogno è il belga Dondencker, ma è una trattativa complica, mentre è più fattibile la via che porta ad Obiang del West ham per 10 milioni, cifre che fino a due anni fa si spendevano per tutto il mercato.  

Ma ora si deve pensare pure alle uscite. Dopo l'ennesima rapina legalizzata di Petagna, sulla base di un obbligo di riscatto fissato a 15mln, con la pericolosa clausola biscotto in caso di salvezza, l'attaccante guadagnerà 1,3 milioni più bonus a stagione. L'effetto CR7 ha svegliato pure le piccole per cercare di diminuire il gap con le grandi. 

 Hateboer e Cornelius, sono sempre li in attesa di andarsene, ma per ora nulla di concreto,  mentre è imminente la partenza di Haas, che andrà a Palermo,e soprattutto quella di Mattiello: l’ex Spal, appena arrivato in nerazzurro e non convocato per il ritiro, è già pronto a salutare e andrà al Bologna in prestito con obbligo di riscatto (a determinate condizioni), per una cifra non lontana dai 4 milioni). Tra Cabezas e la Fluminense non c’è ancora l’accordo sulla durata del prestito (un anno o diciotto mesi).

LA CESSIONE di Mattiello, come molte altre operazioni (vedi quelle fatte con i bambini dell'Inter), sono delle vere e proprie truffe contabili legalizzate, ma su questo l'Uefa chiuda occhi, naso e bocca, mentre i tifosi fanno finta di non saperle, come le vicende di doni e il calcioscommesse e poi parlano di "bustarelle del Milan" date all'Uefa per salvarsi (messaggi salvati e girati al legale del Milan). Questi messaggi li ho salvati tutti, spero vi portino via la casa e il computer, così la finirete di ruttare e scoreggiare dalla bocca la prima cosa che vi passa dalla mente, pensando di restare impuniti. Solo dei coglioni pagano 10-20.000 euro di penale per una querela sul calcio e voi lo siete.  Dopo la sentenza del TAS, ci saranno novità importanti pure per BergamoNerazzurra. 

TUTTI contenti per CR7 che aumenta l'appeal del calcio italiano, ma tutti contro il Milan fuori dalle coppe che porta molto più attenzione internazionale rispetto ad Atalanta e Fiorentina sicuramentecome. Sciacalli da prendere a calci in culo. E ripeto, fotte una mazza del Milan, Juve, Inter, Catania, Atalanta, Fiorente Colognola, sono obiettivo in ogni situazione e non mi faccio etichettare su nulla. Mettetevi il cuore in pace oh essere inferiori  privi di cervello e argomenti.