Sartori:"Freuler alla Lazio' Fantasia". Ecco quello che (non) vi dice Sartori su Berisha, qualificazione Europa League e mercato. Traduciamo dal Sartorese.

 di Luca Ronchi  articolo letto 2402 volte
Sartori:"Freuler alla Lazio' Fantasia". Ecco quello che (non) vi dice Sartori su Berisha, qualificazione Europa League e mercato. Traduciamo dal Sartorese.

Il ds dell'Atalanta Giovanni Sartori ha parlato a Radio Incontro Olympia dell'interesse della Lazio per Remo Freuler. Ecco quanto riportato da Lalaziosiamonoi.it: "Al momento ogni nome di un nostro giocatore che viene dato e scritto in uscita dall'Atalanta è fantacalcio, o frutto della fantasia che maggiormente a Roma non manca mai, su entrambe le sponde del Tevere. Tuttavia, l'asse con la Lazio è aperto per via del diritto di riscatto che possiamo esercitare, come da accorsi presi, entro il 15 giugno per Berisha. Forse anche prima, agli inizi di giugno, una volta terminato il campionato e soprattutto conosciuta la nostra posizione finale, decideremo il da farsi, ed a quel punto, ripeto e sottolineo solo in quel momento, con il portiere albanese e la società laziale si potrà eventualmente intavolare un discorso economico e non solo"

"L'Europa? Ci crediamo. Certo è che, in caso di qualificazione, sarebbe un peccato non disputare l'Europa League a Bergamo, anche se i nostri splendidi tifosi non ci farebbero mancare il loro supporto nemmeno a Reggio Emilia, sede scelta per le gare europee dell'Atalanta. Purtroppo il nostro impianto non soddisfa tutte le norme internazionali, non ci sarebbe il tempo necessario per rimediare".


Traduciamo quello che ha (non) detto il ds Sartori che tanto è bravo sul mercato, quanto lo è nel giochino delle tra carte, ma se l'ignoranza è la beatitudine dei tifosi, per tutti gli altri, è giusto tradurre dal sartorese.
Che il mercato si faccia a giugno, sono balle! Ogni società, ha già programmato il 70-80% delle operazioni da perfezionare a giugno e il resto, lo farà a fine campionato, in base a quello che ha raggiunto. Qualificazione europea o meno, cambierà poco, semplicemente perchè all'Atalanta, non gli frega nulla l'Europa league, verrà presa come un impiccio, un omaggio ai tifosi, giocatori e allenatore, ma tutta la programmazione sarà proiettata per il campionato e Coppa Italia. Punto.

BERISHA- Ma veniamo al mercato. Sartori dice che per Berisha se ne parlerà a giugno, anche in base ad una qualificazione europea o meno. Traduciamo: se non va in Europa, Gomez se ne andrà e proprio con la Lazio si potrebbe intavolare una trattativa per Berisha con il Papu a Roma e Berisha riscattato. In caso di Europa, potrebbe invece essere inserito Freuler, ma la sensazione è che Berisha non verrà nemmeno riscattato e sarebbe la cosa più logica. Spendere 6 milioni per un portiere normalissimo, è follia. Non si vanno a vedere altri portieri se si è convinti di riscattare l'albanese. 

EUROPA LEAGUE- A proposito di Europa League, Sartori dice:"Certo che è un peccato non giocare a Bergamo". Se lo dico io, sono un gufo di merda, infame, bastardo, figlio di Winnie de Pooh, ma se lo dice Sartori, vi sta dicendo: già è assurdo entrare in Europa con una squadra ancora in via di consolidamento tecnico ed economico, figuriamoci farlo giocando in "casa in trasferta", tornando a notte fonda  pure quando si giocheranno le partite "casalinghe", con posticipi di campionato praticamente ogni week end (per la gioia di quelli dello "Skyfo"), senza prendere un centesimo di incasso dalle tv e botteghini, anzi, spendendo pure soldi per l'affitto dello stadio. Cioè, capito il suicidio a cui sta andando incontro l'Atalanta? Qualcuno dice che i tifosi riempiranno Reggio Emilia pure di sera. Vi svelo un segreto: a Bergamo il giovedi e il venerdi si lavora e dubito che migliaia di persone prendano le ferie per andare a vedere Atalanta- F.C. Kgbedkdhi. Se ci andranno in 200 è tantissimo.

PRATICAMENTE SARTORI vi ha fatto capire: se proprio dobbiamo entrare in Europa, faremo questo sacrificio, ma sarà affrontata come un torneo da "dopo lavoro ferroviario" e non di più.

GIOVANI E MERCATO- Altra cosa che Sartori non vi dirà mai è il discorso sulle cessioni. I giovani dell'Atalanta sono buoni giocatori, fenomeni in questa squadra, ma tolti da questo contesto, sono giocatori lontano anni luce dai vari Donnarumma, Romagnoli, Rugani, Pellegrini etc. Di Caldara, Conti, Freuler, Cristante, Spinazzola ne trovo 200 nel mio quartiere, di Petagna 4838349. 

Tradotto: se arrivano offerte faraoniche per questi giocatori, verranno ceduti tutti, Europa o meno. Gomez compreso. Nessun smantellamento, la squadra grazie ai boccalloni che vedono oro nella bigiotteria, verrà rinforzata. State sereni che l'Orio Center è già stato ampliato, lo stadio verrà finanziato solo con la cessione di Kessie, ma non aspettatevi nomi di grido, nonostante tutto, molte entrate verranno investite in strutture per farsi trovare stabilmente forti nel 2019-20 con lo stadio di proprietà. Tutto quello che vi diranno da qui in avanti, è cibo per le capre ignoranti.

AIUTINI- Non c'entra nulla con quanto detto sopra, ma ogni giorno c'è un occasione per asfaltare CON I FATTI i "gomblottisti" che vedono un "disegno contro l'Atalanta". Mai come quest'anno ai nerazzurri sta girando tutto di culo pazzesco: traverse, risultati sugli altri campi favorevoli, penalizzazioni vere a Fiorentina, Lazio, Inter, Milan etc. Ma veri errori arbitrali ci sono persino in Champions. Anche ieri sera, come è successo in Barcellona-PSG, c'è stato un gol in fuorigioco mega galattico del Real Madrid e un espulsione assurda a Vidal. Bene, voi vi lamentate dei nostri arbitri o del (non) fuorigioco di Dzeko, ma succede ben di peggio all'estero e addirittura in partite di qualificazione Champions.