4-2-3-1 o 3-3-3-1: toda joia e "tristeza", ma i tifosi sognano il circo nerazzurro. Un bravo allenatore si adatta alla stoffa che ha a disposizione.

19.08.2018 07:26 di Luca Ronchi  articolo letto 7053 volte
4-2-3-1 o 3-3-3-1: toda joia e "tristeza", ma i tifosi sognano il circo nerazzurro. Un bravo allenatore si adatta alla stoffa che ha a disposizione.

Pensate se una domenica, scendesse in campo un'Atalanta con un attacco formato da: Rigoni a destra, Ilicic (i problemi sono piuttosto gravi e per la privacy non si può dire nulla), Gomez e Zapata, oppure con un centrocampo formato da Pasalic, Freuler, de Roon, Rigoni, Ilicic, Gomez e Zapata davanti. 

CHE TRISTEZZA EH? Le due formazioni proposte, sono un filo sbilanciate, ma i tifosi, non hanno mai visto a Bergamo così tanta grazia in un colpo solo, altroché doni, ora c'è Rigoni. Scusate, ma faceva rima. 

PORTA- In porta, Gasperini ha fatto capire che ci sarà un turn over tra i due, anche se il ruolo del portiere, a livello mentale, è molto delicato e non avere sicurezze, potrebbe creare ansia da prestazione ad entrambe. 

DIFESA- Qui abbiamo detto che la coperta è cortissima e le scelte obbligate. A meno che Gasperini (un bravo allenatore si adatta a lavorare la stoffa che ha), cambi modulo, passando da una difesa a 3 a 4, riportando Hatebooer, Castagne o Gosens, nei loro ruoli naturali di terzini difensivi pure.

Qui dietro, considerati i mercati francesi, spagnoli e tedesco ancora aperti, bisognerebbe intervenire, magari chiudendo l'interessamento per Sorensen del Colonia. 

CENTROCAMPO- Le alternative ci sono. Con un centrocampo a 3, le scelte sono già stabilite con Freuler, de Roon e Pasalic, ma Pessina è una valida alternativa. Forse anche qui, sulle due competizioni, un centrocampista in più si poteva prendere, ribadendo il concetto di Gasperini più che legittimo, ma sbagliato nei modi. 

ATTACCO- Qui si è esagerato, passando dal nulla cosmico con Petagna e Cornelius, a Rigoni, Barrow, Ilicic, Gomez, Zapata e se il colombiano ritrova un minimo di continuità, sarà devastante.

Le soluzioni offensive sono tantissime, ma è chiaro che se con il Frosinone, Chievo, Spal, Empoli etc in casa puoi pure rischiare i 3 favolosi dietro a Zapata, è più complicato azzardare un modulo del genere con le grandi o con le dirette concorrenti all'Europa League come Torino e Fiorentina. 

Ancora 24h e poi tutte le chiacchiere staranno a zero, godetevi il campionato, con l'augurio che oltre alla società e la squadra, sia cresciuta anche la cultura sportiva del tifoso. E' una masturbazione cerebrale pensare di non sentire più parlare di Var, complotti, arbitri, ma almeno contenetevi senza perdere quel poco di dignità che vi è rimasta in eredità dall'anno scorso, dove insieme ai tifosi napoletani, avete vinto la palma dei tifosi piangina, vittime di un Palazzo costruito solo nella vostra testa.