Altro fumo di mercato: Obiang. Domani giorno decisivo per Krane. Bonifazi per Varnier? Non ha senso. Gasperini siluro a Sartori e società:"Immobilismo, siamo lontani da quello che avevamo preventivato". Attenzione al Conte. Pesante partenza...

09.07.2018 07:17 di Luca Ronchi  articolo letto 4544 volte
Altro fumo di mercato: Obiang. Domani giorno decisivo per Krane. Bonifazi per Varnier? Non ha senso. Gasperini siluro a Sartori e società:"Immobilismo, siamo lontani da quello che avevamo preventivato". Attenzione al Conte. Pesante partenza...

Altro giorno altro nome. L'agenda di Sartori probabilmente è in via di esaurimento, perchè dopo aver fatto 47838939 nomi, ora si va a pescare su un vecchio pallino di PierPaolo Marino, Obiang, ex Sampdoria, attualmente centrocampista del West Ham. L'ha scritto l'Eco di Bergamo, per cui avranno sicuramente ragione.

Così come hanno scritto che in caso di infortunio prolungato di Varnier, si potrebbe tornare sul mercato a caccia di un difensore e nel mirino è tornato Nicolò Bonifazi del Torino.

A parte il fatto che mi risulta molto vicino al Sassuolo, dove andrebbe a giocare titolare al posto di Acerbi, che senso ha spendere 7-8mln per un giocatore tappa buco, quando poi si piange miseria per tutto il resto che serve per potenziare la squadra?

A me sembra che ci sia un po' di confusione, ma sicuramente mi sbaglierò, perchè i veri tifosi duri e puri sanno che va tutto bene, ci sono i trenini negli spogliatoi, nessun giocatore vuole andarsene (Gomez, Petagna) e Sartori non sbaglia mai. 

Intanto domani si attende la risposta del centrocampista dello Zenit, Kranevitter. Dovesse esserci la fumata bianca, questo sarebbe un grande colpo. Il primo dall'inizio del mercato. Se ci aggiungiamo pure la punta Mayoral, allora si comincerebbe a ragionare in termini diversi. Ad oggi, la situazione è di attesa e smarrimento.  E le capre che scrivono di andare a tifare Real Madrid, sono la rovina dell'Atalanta, sono gli "yes man" che danno alibi alla società e fanno sedere sugli allori gli operatori di mercato. 

GASPERINI- Lo dico da qualche settimana, nonostante i soliti insulti e accuse di remare conto. Fa nulla, preferisco una cruda verità che una bella bugia. Gasperini è INFURIATO! Come l'anno scorso, alla prima uscita pubblica stagionale, ha sparato a zero sulla società e su Sartori. Quando un allenatore parla di "immobilismo, perdita di tempo, di tanti nomi ma nulla di concreto, ma soprattutto di obiettivi e progetti per ora non rispettati", allora deve suonare un campanello d'allarme preoccupante.

IO RESTO SEMPRE DELL'IDEA CHE GASPERINI sbaglia a dire certe cose pubblicamente. Innanzitutto perchè lo vede pure un talebano che l'Atalanta è ferma sul mercato, ma con le sue dichiarazioni populiste per compiacere i tifosi, si mette con le spalle al muro la società e con le PEZZE AL CULO Sartori. Non serve a nulla dirlo pubblicamente, non serve nemmeno dirlo a Percassi, lo sa benissimo pure lui che così la squadra non va oltre la salvezza.

GASPERINI RESTA?- Vi ricordate le dimissioni di Conte al primo giorno di ritiro per il fatto che erano venuti meno gli accordi presi con la società sul mercato? Non mi meraviglierei che se si arrivasse così ad agosto, pure Gasperini potrebbe salutare la baracca per non rischiare di bruciare tutto il credito accumulato in questi due anni. Attenzione, il pericolo è ancora lontano, ma forse è meglio darsi una mossa. 

Attenzione però, non è sufficiente comprare tanto per comprare, perchè se a Gasperini porti 4 dopolavoristi ferroviari presi dalla spiaggia, dopo una magnata de melanzane fritte, non credo sarà quello che lui intende, quando parla di 4-5 acquisti di valore. 

PETAGNA- Petagna vattene! Purtroppo siamo arrivati a questi punti perchè l'ariete triestino, con il suo tentennare nel dare una risposta alla Spal, sta bloccando il mercato in entrata per l'attacco. Probabilmente il Big Gym nerazzurro attende la chiamata della lazio per Gomez, dove potrebbe essere inserito nel pacchetto. 

VACCARIELLO- Intanto se ne va dallo staff, il mago della preparazione atletico Vaccariello che ha scelto di andare al Perugia. Questa è una grave perdita.