Dai 37 punti scudetto, ai 65 obiettivo minimo, è successo un '48 calcistico. Giornalisti tv il male dell'Atalanta. Fermatelo!!

03.04.2018 07:31 di Luca Ronchi  articolo letto 2580 volte
Dai 37 punti scudetto, ai 65 obiettivo minimo, è successo un '48 calcistico. Giornalisti tv il male dell'Atalanta. Fermatelo!!

Vi ricordate quando in questo periodo del campionato si facevano i conti del commercialista per arrivare alla fatidica quota 40 punti salvezza? E spesso si sperava ne bastassero pure meno.

Sembra passata un'era geologica, invece stiamo parlando di 2 anni fa, con l'addio di Eddy Reja che aveva raggiunto la salvezza per il rotto della cuffia e da lì è partito  un terremoto calcistico di cui ce ne siamo accorti solo oggi, è stato arrivato un '48 calcistico, con l'arrivo delle truppe di liberazione guidate da Gasperini.

Oggi ormai non si parla più di salvezza come il "nostro" scudetto, anche se bisogna sempre  tenere  l'attenzione al massimo perchè Verona, Udinese, Genoa e molte altre realtà insegnano che basta un niente passare dallo scudetto o Champions League alla retrocessione. 

Dopo i 70 punti mostruosi dell'anno scorso, il livello del campionato si è alzato notevolmente tra le prime 5 squadre e ridotto ancora di più nella parte medio bassa, per questo sarà impossibile ripetere il campionato scorso, ma si deve puntare ai 60 punti per entrare in Europa dai preliminari, una follia assurda, tanto che a Genova, i tifosi della Samp dicono che la squadra non vuole entrare in Europa per non iniziare la stagione a luglio. Mi sembra di aver già sentito questo ritornello pure in altre piazze....

Ma per entrare dalla porta principale quanti punti serviranno? Il Milan, che qualche idiota pecorone, con il cervello imploso, di una nota trasmissione del lunedi sera (ormai mi basta vederla 3' per capire in che stato pietoso è caduta TuttoAtalanta su Bergamotv), ha definito scarsa per aver perso 3 a 1 a Torino contro la Juve, dopo una partita giocata benissimo e sfiorando più volte il gol (ma solo l'Atalanta domina a Torino :)))))) , avrà 4 partite da 12 punti sulla carta più che fattibili, più due da 6 se le cose dovessero essere già decise per Torino e Fiorentina all'ultima di campionato. 

Mettiamo in conto almeno 15 che aggiunti ai 50 fanno 65. Il solito poveretto che spara troiate a raffica"L'ATALANTA PUò PUNTARE ALLO SCUDETTO" disse a ottobre, ha pure sentenziato che se il Milan perderà il derby, crollerà psicologicamente. Puahahaha, con Gattuso? Ma vai a cagare c...e, datti alla cronaca nera che ti ha devastato il cervello. Per non dire dell'ultima perla:"Sarri è scarso e sopravvalutato". 

SE QUESTO POVERETTO è OSPITE FISSO A UNA TRASMISSIONE SULL'ATALANTA, VOI CAPRE POTETE AMBIRE ALLA DIREZIONE DELLA GAZZETTA. Giornalisti come questo soggetto o Alvisi del Napoli:"Il Sassuolo serva della Juve", non solo dovrebbero querelarli fino a metterli in ginocchio, ma togliergli pure il tesserino del giornalista e invitare giornalisti locali che fanno analisi molto più profonde, esperte, attente e se pur di parte, molto più interessanti e ricchi di spunti di riflessione. Un esempio? Fabio Gennari è uno di questi, è un ultras con la penna che liscia il pelo ai delinquenti, ma le sue analisi le leggo sempre con molto piacere. Avete mai letto un sito o giornale che fa pubblicità ad altri collleghi? No, segno che qui si è obiettivi e onesti al massimo nella lode e nella critica. 

Dunque l'Atalanta dovrà almeno fare 65 punti e vedere poi se lo scontro diretto quest'anno sarà davvero decisivo. Tutti danno per scontato i tre punti dell'Atalanta, ma forse converrebbe vedersi qualche partita del Milan da quando è arrivato Gattuso: vittoria a Roma con i giallorossi, finale di Coppa Italia, vittoria con la Lazio, 4 gol subiti, 5 vittorie consecutive in campionato che non succedeva da secoli.

Insomma, va bene che l'Atalanta potrebbe vincere pure la Champions secondo qualcuno, ma ora un bagno di umiltà sarebbe anche utile per tutti perchè in una partita secca, il Milan non credo che sia inferiore ai nerazzurri e sono abituati alla pressione più dei bergamaschi.

Certi personaggi dovrebbero metterli in freezer fino a maggio o dotarli di museruola. Giornalisti assassini con le parole, ultras in giacca e cravatta. 

P.s- Per 10 anni ho messo il sito e soprattutto gli utenti davanti a tutto, qualsiasi cosa fosse successo, prima c'era l'impegno di aggiornare il sito, poi tutto il resto. Bene, da oggi, molto probabilmente non vedrò la partita perchè alle 18,30 ho ben altro da fare e non me ne fotte sinceramente nulla, il calcio nell'ultimo anno mi concilia con il sonno come il GP di F1  alla domenica. Per cui faremo un commento veloce domani dopo che avrò visto la sintesi, ma solo se avrò 15' di vuoto cosmico, sennò rimandiamo tutto a sabato. Ormai sto preparando gli scatoloni, a giugno vi saluto capre, mentre per tutti gli altri utenti, non mi resta che mettermi in  inginocchio e ringraziarvi all'infinito. Per voi sarei andato avanti fino a quando il Parkinson  non mi avrebbe bloccato le falangi. Ma hanno vinto loro, ha vinto la noia per uno sport che deve vedere a fatica, ma ne farei volentieri a meno, mi annoia brutalmente.

Qualche esempio? Dopo 20' di Juve.Milan, ero già li a leggere un libro, poi qualche volta davo un'occhiata del tutto disinteressata. Atalanta-Udinese l'ho vista 30' in totale perchè c'era il Giro delle Fiandre di ciclismo e ora ogni domenica ci sarà una classica monumento, ma per fortuna l'Atalanta non giocherà in contemporanea, se no addio sito.