Ecco perchè Gasperini non rinnova: garanzie di mercato e "spauracchio" Europa. La Roma l'ha contattato, ma Percassi ha già il successore in mano. Bastoni e Conti, è fatta con l'inter e Petagna spera.

 di Luca Ronchi  articolo letto 4136 volte
 Ecco perchè Gasperini non rinnova: garanzie di mercato e "spauracchio" Europa. La Roma l'ha contattato, ma Percassi ha già il successore in mano. Bastoni e Conti, è fatta con l'inter e Petagna spera.

L’Uefa ha fissato per il 27 luglio e il 3 agosto l’andata e ritorno per accedere al playoff (17-24 agosto) che danno diritto a un posto nei gironi dell’Europa League. Una competizione che già di suo condiziona il campionato quasi più della Champions perché si gioca di giovedì - e da una trasferta si rientra il venerdì per poi giocare la domenica - e prevede più partite. Una gara ufficiale già in luglio ti costringe poi ad anticipare raduno e preparazione, con conseguenze che di solito si pagano nella primavera successiva. 

Tutto questo è ben presente nei pensieri di Gasperini ed è questo uno dei motivi per cui il tecnico piemontese non ha ancora rinnovato, ma sono tre le questioni che stanno portando Gasperini più lontano da Bergamo.

PRIMO- Il mister dentro di se starà pensando. qui vanno tutti in grandi squadre e l'unico fesso che resta qui, è l'artefice di tutto? Ma anche no. Gasperini vuole monetizzare pure lui, come altri giocatori, la stagione dei miracoli, giocandosi una delle ultime opportunità per allenare un top club. La Roma, l'ha già contattato per il dopo Spalletti. I giallorossi vorrebbero un allenatore internazionale (Emery o Sampaoli), ma se dovesse prevalere la pista italiana, Gasperini sarebbe in cima ai desideri della presidenza americana. Il vivaio della Roma è il più forte d'Italia e con Gasperini, sdiventerebbe un pozzo economico per risollevare le casse capitoline.

SECONDO- La convinzione che una stagione come questa non potrà ripeterla l'anno prossimo. Una classifica che in un campionato più equilibrato con la defezione di qualche big come l'anno scorso, avrebbe significato qualificazione Champions League. Per questo non vorrebbe bruciarsi un gettone del genere, sfruttandolo al massimo per la sua carriera.

TERZO- Garanzie sul mercato. Gasperini sa che il doppio impegno potrebbe costare carissimo, per questo ha detto a Percassi che non gli interessa chi verrà ceduto, ma da chi verrà rimpiazzato, allungando la panchina con almeno 18 titolari per essere competitivi, senza correre il rischio di un campionato anonimo,  dopo la grande attenzione mediatica di quest'anno e soprattutto l'incubo retrocessione, perchè l'anno prossimo sicuramente, non si ripeterà una situazione che stiamo vivendo quest'anno con 4 squadre che fanno a gara a chi perde di più senza retrocedere.

 Tutto questo inciderà pesantemente sulle scelte di Gasperini per l'anno prossimo, ma Percassi ha già un asso nella macchina, un suo pallino da sempre già messo in pre allarme per la panchina nerazzurra.

CALCIOMERCATO- Presto l’Inter si occuperà anche di chiudere definitivamente l’opzione su Alessandro Bastoni (1999): i rapporti con l’Atalanta – vedi il viaggio della famiglia Percassi a Nanchino – sono così buoni per ormai ci si confronta quotidianamente. Bastoni verrà lasciato altre due stagioni a Bergamo con la possibilità di anticipare il suo arrivo all’Inter con date precise. Differente invece il discorso per Andrea Conti, il cui agente sta proponendo la candidatura dell’esterno con regolarità all’area tecnica interista.

Anche Petagna sogna di fare il grande salto, la sfida è tutta milanese, con i nerazzurri fortemente interessati al giocatore come vice Icardi e i rossoneri forti di un diritto di prelazione.

P.S- Questo articolo sono riuscito a scriverlo da un Internet Point, ma il sito purtroppo non potrà ancora essere aggiroanto per qualche ora. Alcuni utenti che mi hanno scritto, chiedo di portare pazienza e gli altri esultino pure, ma sappiano che Il sito chiuderà quando lo deciderò io e nessun altro, state sereni.