Gomez si sta risparmiando per il mondiale? Dubbio legittimo, ma così non ci va. Balotelli? Un sogno ormai impossibile. E quel servizio alle “Iene”..... Una domanda a Gasperini e Il preparatore atletico che non considera nessuno, Mondo...

17.02.2018 06:10 di Luca Ronchi  articolo letto 3534 volte
Gomez si sta risparmiando per il mondiale? Dubbio legittimo, ma così non ci va. Balotelli? Un sogno ormai impossibile. E quel servizio alle “Iene”..... Una domanda a Gasperini e Il preparatore atletico che non considera nessuno, Mondo...

“Pòta, òl Papu a se resparmia per òl mundial”. In effetti, il dubbio è legittimo, quando il capitano nerazzurro evita di timbrare il cartellino contro il Sassuolo e Chievo, per poi scendere in campo con infiltrazioni ovunque contro il Dortmund, pur di giocare in Europa, vetrina utile per lui in ottica mercato e mondiale Russia 2018.

Il problema è che se gioca come giovedi sera, in Russia ci potrà andare con la maglietta taroccata di Messi e la bandiera per fare il tifo dalla tribuna.

Un Gomez così non serve a nulla come qualsiasi giocatore fuori condizione, con l’aggiunta che lui non è un Bastoni qualsiasi.  Quando è in campo, il gioco della squadra deve farne conto, i compagni lo cercano, ma se il folletto nerazzurro poi non salta l’uomo, perde ogni contrasto, ha perso lo spunto e il fiato per correre lungo la fascia, diventa un uomo in meno in campo. E si innervosisce pure con i compagni se non lo supportano a dovere.

Anche in questo caso, come per l’attacco, è stato folle non prendere un vice Gomez sul mercato, facendo affidamento alle stelle e pianeti tutti allineati della passata stagione.

BALOTELLI- A proposito di attaccanti, giovedi sera si è mostrato in tutto il suo splendore il problema attaccante. Due falsi nove schierati e un Petagna inserito all’88’ più depresso che mai.

Nessuno pretendeva Batshuay, che qualcuno si è chiesto meravigliato come mai ha scelto il Borussia e non l’Atalanta (dobbiamo rispondere a questi mono neuroni o ci arrivate da soli a uno dei milioni di motivi per cui non è venuto e non verrà mai a Bergamo?), ma un Zapata, un Palacio e altri nomi che abbiamo elencato si potevano prendere.

Qualcuno ha scrittoPercassi regalaci Balotelli”. Si poteva intavolare una trattativa (come c'è stata e vi avevo dato l'esclusiva), nel punto più basso di Balotelli, quando non lo voleva più nessuno e alla fine è andato a Nizza, dove si è letteralmente rigenerato. A fine stagione sarà libero di andare via a parametro zero e sono certo che ritornerà la coda di top team a bussare alla porta di Raiola. Insomma, era da provare il blitz due anni fa, ora è impossibile per costo esorbitante dell’ingaggio.

Non solo, in uno scherzo fatto a Balotelli dalle “Iene” su Italia Uno, a telecamere nascoste, si parlava di calcio e Mister dinamite (nuovo soprannome che gli hanno dato i francesi), bresciano di adozione, non ha speso parole al miele per l’Atalanta, anzi, è andato giù piuttosto pesante su Bergamo e la squadra nerazzurra. Un po’ come aveva fatto un giocatore bergamasco qualche anno fa nei confronti del Brescia. Due coglioni uguali, senza distinzione.

Scordatevi Balotelli, ma non c’è solo lui di attaccanti forti da prendere, Perica potrebbe arrivare a giugno, a buoi ormai scappati da mesi. Con un attaccante vero, forse oggi i nerazzurri avrebbero qualche punto in più in campionato e giocherebbe con maggior fiducia la gare di ritorno con il Borussia.

LA DOMANDA- Cari giornalisti locali genuflessi a Gasperini, potete chiedergli  lumi sul motivo per cui non è arrivata la punta promessa sul mercato di gennaio e cosa è successo con Petagna per passare da giocatore inamovibile a panchinaro fisso?. Probabilmente risponderà in modo diplomatico alla prima e non lo farà per la seconda, ma piuttosto delle domande zerbino:“chi toglierebbe alla Fiorentina” con risposta automatica “Sono tutti forti”, oppure che Fiorentina si aspetta? “Partita difficile, dobbiamo avere pazienza” e via con queste rispostone da filoso greco, fate qualche domanda tirando fuori un pochettino di palline. Nessuno vuole sapere quante volte copula con la moglie.

PREPARATORE ATLETICO- Ci sono mille interviste a Gasperini, giocatori, dirigenti e nessuno caga il preparatore atletico che permette all’Atalanta di volare senza mai cali fisici. Davvero non interessa a nessuno come viene impostata la preparazione stagionale della squadra con i vari meso e macro cicli, a nessuno interessa se la squadra viene controllata pure a livello alimentare con esami e diete specifiche durante la settimane, con un giorno libero dove concedersi qualche sfizio culinario? Nessuno interessa come mai ci sono (rispetto alla media), pochissimi infortuni nonostante si giochi ogni 3-4 giorni? Come vengono monitorati i giocatori singolarmente?

Insomma, ho già capito, meglio chiedere “In che posizione ti piace giocare”, “Pòta figa, sono a disposizione del mister”. Più semplice per tutti, salvata la seggiola a Zingonia.

MONDONICO- Chiudo con un'intervista del Mondo all'Eco in cui finalmente parla di "Mia Fiorentina". Per anni ha leccato il culo all'Atalanta usando il "noi", poi quando proprio qui gli ho fatto notare che all'Eco usava il "noi dell'Atalanta", a TuttoSport usava il "Noi del Torino" e a Firenze "La mia Fiorentina", ha fatto pace con il suo cervello e ha deciso di tifare Fiorentina come ha sempre dichiarato. Bravo Mondo.