Lo schifo non è la Var ma l'ignoranza fotonica dei tifosi

24.11.2019 08:22 di Luca Ronchi   Vedi letture
Lo schifo non è la Var ma l'ignoranza fotonica dei tifosi

Che due coglioni giganteschi. Invece di parlare di una bellissima Atalanta per 75', di mille occasioni sprecate (chi non segna non vince), di un grandissimo Dybala e Higuain che hanno cambiato la partita con giocate da campioni, anche stavolta, per l'ennesima volta a Bergamo si parla solo e solamente di arbitri e Var e del fallo di mano di Cuadrado nello specifico. Vomitevole. Il fallo di mano c'era? Si! E' un favoritismo volontario alla Juve? NO! Se la pensate diversamente spiegatemi i rigori dati all'Atalanta contro i bianconeri negli ultimi anni, l'espulsione dell'anno scorso, il rigore netto negato ad Higuain, spiegatemi per quale motivo spendete soldi e togliete il pane di bocca alla famiglia per andare a vedere un complotto già scritto etc etc. Buffoni!  Siete dei meschini, perchè per gli episodi che vi favoriscono, come il var a Napoli che non è intervenuto sul presunto fallo di Kejar su Llorente e i mille a vostro favore l'anno scorso, li minimizzate, tutti gli altri li ingigantite come se tutto il mondo ce l'avesse su con voi. I vittimisti, i polemici, i complottisti, sono il cancro del mondo del calcio e non solo e tra i tifosi atalantini, ne abbiamo una bella quota.

IL PROBLEMA NON E' LA VAR, MA L'IGNORANZA DEI TERRAPIATTISTI ATALANTINI CHE NON SANNO LE REGOLE. L'IGNORANZA DISTRUGGE IL MONDO. Insieme all'abbonamento, dovrebbero regalare un cervello nuovo impacchettato in un coriandolo, non serve molto per questi monocellulari. 

L'ignoranza porta a polemiche e vittimismo che non esiste. Calciopoli è finito da anni, cambiate disco, siete patetici, siete smentiti dai fatti ogni domenica. Basta belare!

Sul fallo di mano di Cuadrado, di Emre Can e altri episodi, chi conosce le regole la vede così:

Al 16’ – dopo due gialli corretti - a Higuain per fallo su Gollini e a Palomino per una scivolata su Higuain – il primo episodio da rigore: Gomez crossa e la palla va sul braccio molto aperto di Khedira. Il dischetto, indicato da Rocchi che ha visto tutto è la decisione corretta. Al 48’ su punizione vari rimpalli in area, il dubbio su un fallo di mano è fugato dal check del Var: la palla colpisce la schiena di uno dei giocatori in area, si va avanti. Al 74’ prima del gol dell’1-1 Higuain, prima di trovare la rete, va a calciare su Palomino che ritrae la gamba, non cade e Rocchi, da buona posizione lo valuta normale contrasto di gioco, il Var non lo smentisce. Al 78’ altro episodio: pallone sul braccio di Emre Can su traversone di Freuler. Rocchi va al monitor: il gomito - a proteggere il viso – non è staccato dal corpo e non è più alto delle spalle, non è rigore. All’80’ Cuadrado in scivolata tocca evidentemente il pallone con la mano. L’Atalanta protesta – anche perché poco dopo la Juve segna ancora con Higuain – ma per Rocchi è impossibile vederlo. L’errore grave, però, c’è ed è imputabile all’assistente Peretti che avrebbe dovuto segnalarlo. Inutile invocare il Var: cambia il possesso e l’auricolare resta muto perché l’episodio non rientra tra quelli previsti per l’intervento (non è un caso di rigore/non rigore né di gol/non gol, non è uno scambio di identità, né fallo da rosso diretto).