Per la Champions altrochè due innesti, per il campionato, va bene così. Danno Barrow al Verona. Il Brescia con Balotelli a livello delle grandi.. A livello mediatico. Balotelli?"Il derby? Mancava da tanti anni"

19.08.2019 05:25 di Luca Ronchi   Vedi letture
Per la Champions altrochè due innesti, per il campionato, va bene così. Danno Barrow al Verona. Il Brescia con Balotelli a livello delle grandi.. A livello mediatico. Balotelli?"Il derby? Mancava da tanti anni"

Non leggo più nulla dei social e non seguo le trasmissioni sull'Atalanta, ma i vari siti e media locali e nazionali, vorrebbero almeno altri due innesti. Allora, chiariamoci: per essere competitivi in Champions, due acquisti non bastano, ne servirebbe uno:  Culovic, ma non è acquistabile sul mercato. Molto dipenderà dal sorteggio per sperare di arrivare terzi, ma per le prime due posizioni è impossibile, qualunque squadra delle prima e seconda fascia è più forte, attrezzata ed esperta dell'Atalanta.

PER IL CAMPIONATO, se parliamo di salvezza, questa squadra è già fin troppo, per una metà classifica ci arriva pure ubriaca, per una qualificazione in Europa League, due o tre squadre si sono decisamente rinforzate, a partire dalla Fiorentina e Genoa. Per la qualificazione Champions, serve un altro miracolo e molto culo. Inter, Juve, Napoli, faranno un altro campionato, per il quarto posto, Roma-Lazio le vedo favorite con il Milan che se fa ancora un paio di innesti, è nettamente migliorato rispetto all'anno scorso. Ha tenuto uno dei portieri più forti del mondo, ha finalmente preso un allenatore con idee e gioco, ha rinforzato il centrocampo e la difesa e preso Leao che promette gran bene. Mentre dubito che Piatek si ripeterà, mi sembra un nuovo Gilardino ai tempi del Milan, un mezzo flop che ha avuto l'exploit una stagione, ma ora si sgonfierà. I rossoneri non hanno le coppe e questo è un vantaggio enorme, sono la squadra più giovane del campionato con motivazioni a mille. 

Se l'ATALANTA ARRIVERà tra le prime 6, sarebbe una follia pensare che sarà stato un fallimento. Alla salvezza non crede nessuno, ma non credete che la qualificazione Champions ora sia una normalità. In 4 anni, pensare di qualificarsi con regolarità in Europa League sarebbe un mezzo miracolo. Capiterà la stagione storta, guai se qualcuno cominciasse a storcere il naso o mugugnare. I cicli con alti e bassi, sono capitati a tutte le squadre, Juve compresa, figuriamoci se non può succedere all'ATALANTA dopo 3 anni pazzeschi.  

BARROW- Come riportato da alcune fonti bergamasche, il futuro di Musa Barrow potrebbe essere in prestito all'Hellas Verona. I gialloblù di Juric, reduci dalla sconfitta in Coppa Italia contro la Cremonese, necessitano di un attaccante (Di Carmine è infortunato, Pazzini è spesso fuori condizione e Tupta non può fare il titolare). Barrow, quasi 21enne, è un giovane di prospettiva che piace molto all'allenatore croato.

Qualcuno dà per scontato ora che potrebbe arrivare l'attaccante, ma non ne sarei così sicuro, comunque hanno sempre ragione loro, 54 nomi e 3 arrivi a meno 18 giorni dalla chiusura del mercato. 

BALOTELLI- Io, a dispetto di tutti i tifosi atalantini, avrei preso Balotelli al volo, per molti motivi, tra questi l'Europeo che si giocherà a giugno del 2020 e dove tutti i papabili convocabili, daranno qualcosa in più in campionato. Purtroppo l'Atalanta su questo fronte ha poco da regalare alla Nazionale azzurra. Al di là delle doti tecniche di Mario, si sta parlando del Brescia da una settimana su tutte le tv nazionali, la conferenza stampa in diretta, la vendita boom delle magliette con il nome di Balotelli e sono sicuro che durante la stagione, Brescia e il Brescia saranno parecchio al centro dell'attenzione mediatica. 

In conferenza, Balotelli ha parlato a monosillabi e alla domanda sul derby con l'Atalanta ha risposto:"E' normale che ci tenga da bresciano. E' tanti anni che non c'era, ma tutte le partite sono importanti. Poi chiaro che alcune le aspetti con più ansia". Mi auguro che gli atalatini non si distinguano con cori razzisti o ululati da scimmie. Fischiate pure Balotelli, ma evitiamo figure da coglionazzi.