Gasperini ora ci ripensa:”Ottima difesa e centrocampo” Non nomina l’attacco ma elogia lo spirito di gruppo:”Abbiamo acquisito sicurezza anche contro le grandi. Con la Juve ci proveremo”

 di Luca Ronchi  articolo letto 3048 volte
Gasperini ora ci ripensa:”Ottima difesa e centrocampo” Non nomina l’attacco ma elogia lo spirito di gruppo:”Abbiamo acquisito sicurezza anche contro le grandi. Con la Juve ci proveremo”

Gasperini, dopo le critiche al mercato (indirettamente alla squadra), ora ci ripensa ed elogia un ottimo centrocampo e difesa, ma citando solo Ilicic per il reparto offensivo

Cosa l’ha stupita di più di questa Atalanta senza alcuni titolari? Avete imposto il vostro gioco
“Giocando da un anno insieme abbiamo accumulato esperienza, automatismi, sappiamo cosa dobbiamo fare in ogni situazione di gioco. Quando giochiamo contro alcune squadre sappiamo come muoverci, difendere e quando inserirci”

Per quanto riguarda i singoli?
“La cosa che mi fa più piacere è l’evoluzione di certi giocatori. Abbiamo un ottimo centrocampo, una difesa affidabile, in avanti non c’era Gomez, ma la prestazione di Ilicic è stata ottima. Io vedo una maggior sicurezza nella squadra, anche contro le grandi come contro il Napoli e Roma. Ora dovremo affrontare la squadra più forte che c’è in una settimana. Conta solo vincere”

Spirito ottimo di squadra
“Si, l’avevamo dimostrato anche con il Napoli giocando una partita in equilibrio. I ragazzi erano delusi per la prestazione sottotono di domenica e oggi c’è stata una bella reazione. Ci sono stati degli episodi in cui abbiamo rischiato di non vincere una partita dominata. Sono contento per loro”

Il Sassuolo molle ha dato una bella mano
“Con il Napoli eravamo sottotono, ma non inferiori al Napoli. Oggi non so quanto ci sia di demerito del Sassuolo e merito nostro. Nelle ultime domeniche stavano facendo bene. Nel secondo tempo abbiamo concesso un paio di occasioni che potevano costare caro”

Una bella prova alla vigilia della Juve
“Incontriamo la squadra più forte con cui non vinciamo da 15 anni. Se pareggi non vinci e sei fuori. Serve un’impresa e ci approcciamo alla partita con la voglia di provarci”

Due aggettivi per descrivere il carattere della squadra?
“Molto reattivo, in tutte le sconfitte ci siamo sempre rialzati. E’ stato così l’anno scorso dopo l’inter e oggi dopo la sconfitta contro Il Napoli. Speriamo di raggiungere anche quest’anno qualcosa di importante perché se lo meritano. Giochiamo senza paura, con determinazione e sicurezza”

Martedi incontrerà Buffon, cosa gli consiglia di fare?
“Di continuare a giocare se lo sente di poterlo fare. Il nostro calcio ha bisogno di valori, progetti e quando persone come lui smettono, vanno recuperati in altre vesti. Sarebbe bello che certi giocatori che hanno smesso, regalino qualcosa alle future generazioni con il loro esempio”