Gasperini:"Giochiamo con fiducia e maturità. L'Europa ci ha tolto e dato molto". Senza Var i soliti noti in freezer

31.03.2018 18:00 di Luca Ronchi  articolo letto 2259 volte
Gasperini:"Giochiamo con fiducia e maturità. L'Europa ci ha tolto e dato molto". Senza Var i soliti noti in freezer

Per fortuna in alcune giornate, si può parlare solo di calcio senza le capre di mezzo. Purtroppo capita solo quando l’Atalanta vince senza nessun episodio da contestare, ma sarebbe troppo bello se fosse sempre così e il sito potesse andare avanti serenamente, lasciando tutto lo spazio che volete per le vostre riflessioni di tifosi obiettivi, onesti e civili, come mi capita di incontrare spesso in palestra, soprattutto il padre di un noto ultras della curva abbonato da secoli, con pacatissime conversazioni di calcio e di Atalanta e con cui mi trovo 11 volte su 10 d’accordo. Potrei portarvi mille esempi di come vediamo le partite nella stessa maniera e spesso è lui a darmi degli spunti di riflessione molto intelligenti.  Così come altri ragazzi che incontro e nonostante siano tutti abbonati in curva, sono tifosi molto obiettivi, onesti. Sarò fortunato ad incontrarli tutti io.   

EUROPA- Gasperini ha detto che le coppe hanno tolto e dato molto all'Atalanta. Vero, ma ripeto il concetto di settimana scorsa. dove sarebbe oggi l'Atalanta se avesse messo la testa e le gambe viste in Europa nel campionato fin da subito? Forse non avrebbe lottato per il quarto posto, ma oggi sarebbe tra la quinta e sesta posizione in scioltezza. Speriamo almeno riesca a raggiungere la qualificazione, se no c'è il rischio che diventi realtà quello che ho scritto mesi fa:  inseguire tre lepri e rischiare di rimanere a pancia vuota. 

Va beh, veniamo alle parole di Gasperini, pure lui sereno dopo una vittoria senza polemiche.

La vittoria di oggi è significativa, abbiamo battuto una bestia nera?
“Non era facile, abbiamo dato un segno di maturità. Loro hanno giocatori veloci, rapidi, con grande equilibrio. Sono contento della prestazione di oggi e ora ne devono seguire altre. Abbiamo dato un segnale molto forte”

La squadra è letteralmente esplosa dopo l’uscita dalle coppe.
“Tolgono sicuramente energie, soprattutto ad inizio campionato. Poi ci siamo adattati, ma l’Europa ci ha dato tanto: esperienza, stima, fiducia, qualità nel nostro gioco e maturità. Ci hanno tolto ma dato anche molto. E’ ovvio che giocare due partite invece che tre ti danno più recupero, ma ora per le prossime due settimane si tornerà a giocare tre volte, come tutti”

Mister, Palomino e Papu molto bene, come mai ha tolto Castagne e come mai ha tenuto Petagna fino alla fine che non ce la faceva più?
“Palomino e Gomez molto bene. Il Papu così è tanta roba, così come il gol di Petagna è stato molto importante. Castagne ha preso una testata sullo zigomo, era meglio fermarlo nell’intervallo. Ho tenuto Petagna perché fino al 2-0 la partita era ancora aperta. Bastava un loro gol per riaprirla. Non volevo togliere Gomez perché stava facendo bene e non volevo toccare la squadra per non arretrare. Cornelius non è ancora recuperato”

Oddo ha detto che ha cambiato molti moduli per pochi cambi, mentre a lei quanto è mancato Ilicic. Petagna segna solo di testa?
“Ci siamo adattati bene ai loro cambi d’assetto. Le assenze pesano nel lungo, ma nella partita singola le rimedi bene come oggi. Speriamo di recuperare Spinazzola nel giro di qualche partita, così come Ilicic e Cornelius, ma al di là delle assenze stiamo facendo bene comunque. Ci manca pure Caldara da molte settimane e con le partite ravvicinate che ci aspettano, serve il contributo di tutti”

masiello?
“Contento per il gol da attaccante. Ha fatto un’ottima gara, si trascina da tempo ernie che ha e vuole portarsele dietro fino a fine campionato prima di operarsi”

Mondonico?
“Il piacere più bello è stato vedere lo stadio oggi, non sono io in grado di aggiungere altro. E’ stato un bel momento”