Gasperini:"La serata più bella della mia carriera. Ora puntiamo al primo posto del girone" video della squadra all'aereoporto"

 di Luca Ronchi  articolo letto 1538 volte
Gasperini:"La serata più bella della mia carriera. Ora puntiamo al primo posto del girone" video della squadra all'aereoporto"

«Una serata fantastica, forse la migliore della mia carriera, anche se c’è il desiderio personale di non fermarsi qui e di vivere altri momenti come questo. Speriamo di costruire un altro pezzo di storia. Sarebbe davvero bello. Non è stato così semplice come si potrebbe dedurre dal punteggio consistente. Il risultato è diventato pesante per l’Everton nel finale, ma per almeno un’ora non è stata facile. Ad un certo punto abbiamo cercato di gestire la gara e questo può crearti problemi, perché nel possesso prolungato si rischia di perdere il pallone».

 E’ l’analisi del perfezionista, quella di Gasperini. Ma i sentimenti alla fine diventano travolgenti: «Io sono molto felice per tutta la gioia che ho visto nel nostro popolo. Avere un seguito come questo, a Reggio Emilia e nelle trasferte europee, è un’enorme soddisfazione. Ora abbiamo la certezza di giocare anche a febbraio e cercheremo di arrivare il più lontano possibile. Sono felice per Cristante, è stato fantastico e non è un caso che sia arrivato in Nazionale. Rooney? Per me resta importante».

 Non può essere una serata come questa a cancellare l’amarezza per l’eliminazione della Nazionale al mondiale, ma il trionfo dell’Atalanta è un modo per rialzare la testa. Gasperini spiega: «Questa prestazione dimostra che il nostro campionato resta competitivo. Si pensava che l’Atalanta dovesse essere una meteora in Europa League e invece non solo stiamo dimostrando di non essere di passaggio, ma stiamo aiutando il nostro paese nel ranking. Questo successo ci deve dare una spinta importante per il campionato e anche per alcuni calciatori come Cornelius può essere una tappa determinante». David Unsworth, allenatore dell’Everton, si scusa con i tifosi: «Una serata shock. Io do sempre il meglio, ma anche i giocatori devono farlo. Questa serata deve spingere a riflettere i nomi importanti e i più navigati». Dedicato a Rooney.