La mentalità è già da grande, sofferenza e adattamento agli avversari. Troppi gol subiti. Gomez:”Vogliamo continuare a fare la storia. Per fortuna arriva la Juve”

 di Luca Ronchi  articolo letto 1972 volte
La mentalità è già da grande, sofferenza e adattamento agli avversari. Troppi gol subiti. Gomez:”Vogliamo continuare a fare la storia. Per fortuna arriva la Juve”

La partita di ieri, è stata raddrizzata da una situazione di calcio da fermo, con la complicità dell’errore della barriera del Lione, che ha fatto passare il pallone velenoso calciato da Gomez, ma quello che ha sorpreso, è stata la mentalità dell’Atalanta, consapevole di giocarsela davvero con tutte, su qualsiasi campo, non disdegnando di giocare all’italiana, con difesa e contropiede, gioco non proprio nelle corde di Gsperini che vorrebbe tutti sempre all’attacco, ma che per una provinciale, deve diventare  una caratteristica fondamentale di difesa del proprio territorio.

Questo è il segno che i nerazzurri, non solo vincono quando giocano bene come contro l’Everton, ma riescono a fare risultati importanti anche in sofferenza, con una difesa granitica, se pure per la terza volta in svantaggio e costretta recuperare. Può andar bene contro squadre di pari livello, oppure sperare in un calcio da fermo fortunoso, ma non sarà sempre festa, è meglio cominciare ad individuare il problema.

Ora la Juve, che paradossalmente, dopo prestazioni come quella di ieri, è meglio di un Crotone o Benvenevento, perché manterrà alta l’attenzione. Dopo l’Everton, la paura di affrontare il Chievo era proprio quella di sottovalutare l’impegno a livello mentale, con i bianconeri non succederà di sicuro, ma è ovvio che la qualità degli avversari, non farà dormire sonni tranquilli.

La punizione salva vita di Gomez, ha risollevato in parte una prestazione non proprio brillantissima, ma almeno ora il suo nome, i francesi se lo ricorderanno
“Era importante per me questo gol, non ho avuto molte esperienze internazionali e ci sta che qualcuno non mi conosca, speriamo che d’ora in poi mi conosceranno meglio”

Un pari che sa di vittoria
“Si, abbiamo sofferto tanto, siamo riusciti a tenere bene il campo contro una squadra molto forte, abbiamo difeso molto bene, ma noi vogliamo continuare a fare la storia”

Qualificazione alla portata
“L’idea è essere competitivi in ogni stadio, siamo messi bene, ma ci sono ancora 4 partite e dobbiamo restare concentrati fino alla fine”

Ora la Juve, come si fa dopo stasera a restare sul pezzo?
“Per fortuna arriva la Juve, perché non c’è molto da motivare, vedremo cosa migliorare e noi vogliamo fare punti pure in campionato”