Caldara:"Vogliamo tornare in Europa". Umberto Marino:"Gli scivoloni possono capitare"

03.04.2018 19:27 di Luca Ronchi  articolo letto 1434 volte
Caldara:"Vogliamo tornare in Europa". Umberto Marino:"Gli scivoloni possono capitare"

MATTIA CALDARA

INFORTUNIO. “Sto un pò meglio: sabato non so se riuscirò a giocare. Spero settimana prossima di essere al 100%.  Mi sto allenando con la squadra regolarmente: spero di tornare in forma al più presto. Non fa piacere rimanere fuori, ma nel calcio ci sta anche questo”.

SQUADRA. “Noi stiamo bene, giocare ogni due-tre giorni non è facile. Tutti i giocatori sono importanti per noi e, anche se sono fuori, stanno dimostrando di essere all’altezza”.

KO CON LA SAMPDORIA. “Volevamo vincere perchè volevamo tagliare fuori la Samp dall’Europa. Abbiamo già la testa a sabato e proveremo a vincere per recuperare i punti persi”.

SPAL. “E’ una squadra che ci aspetterà, ma anche loro si giocano la salvezza e proveranno a vincere. Questo potrà aiutarci ad avere più spazi per il nostro gioco abituale. Sarà una partita complicata: loro hanno grandi motivazioni”.

TRASFERTE. “Ultimamente stiamo andando meglio in trasferta, per come interpretano le partite le avversarie. Dovremo essere pronti e concentrati”.

VOLATA EUROPA LEAGUE. “Anche la Fiorentina è tornata in gioco, però noi siamo determinati per riportare l’Atalanta in Europa perchè credo che lo meritiamo per quello che abbiamo fatto durante l’anno”.

JUVENTUS. “Ho ancora un mese e mezzo qui e una nuova qualificazione europea con l’Atalanta sarebbe la ciliegina sulla torta, poi la Juve arriverà e speriamo di essere all’altezza”.

EX DELLA SPAL. “Sento spesso Alberto Paloschi, però parliamo di altre cose e non di calcio. Sono contento per lui perchè è un ragazzo che merita”. (CalcioAtalanta)

UMBERTO MARINO

"Gli scivoloni come quello con la Sampdoria fanno parte del gioco, per l'Europa League ce la giochiamo col sostegno del nostro pubblico". Dopo la sconfitta casalinga contro i blucerchiati, il direttore generale dell'Atalanta Umberto Marino difende la squadra intervenendo presso il partner Italian Optic a Curno alla premiazione dei giocatori atalantini del mese. "Restano 8 partite da giocare contro avversari motivati, ma abbiamo la qualità e la concentrazione per raggiungere l'obiettivo - spiega il dirigente nerazzurro -. Qualificarci ancora sarebbe come vincere il campionato: la Fiorentina ha dalla sua la tradizione e l'abitudine a lottare per le coppe, la Sampdoria un organico giovane ed entusiasta. ll Milan con 4 punti di vantaggio resta favorito per il sesto posto". Una battuta anche sulla Spal, prossimo avversario, nelle cui fila giocano tanti ex. "La Spal merita tutto il nostro rispetto, ha molti volti conosciuti e gioca un calcio piacevole" dice.