Capello sull'Atalanta. Insulti al Torino.

21.04.2019 19:11 di Luca Ronchi   Vedi letture
Capello sull'Atalanta. Insulti al Torino.

Fabio Capello, in un'intervista alla Gazzetta, ha detto dell'Atalanta:«È guidata da un allenatore con le idee chiare e i calciatori lo seguono. Dovrebbe rappresentare un modello. In Europa si gioca così. Visto l’Ajax?».

Da bergamasco, anche se non tifoso, mi rende orgoglioso sentire questi attestati di stima da parte di un allenatore del calibro di Capello, ma non è l'unico tra gli addetti ai lavori, a riconoscere le qualità enormi di questa squadra e società.

Poi penso ai tifosi e mi cascano le palle. Come potete rovinarvi questi anni stratosferici, da vivere con gioia, entusiasmo, passione, partecipazione, perdendovi in discorsi folli, complottismi, insulti alle squadre avversarie come contro il Torino che secondo qualcuno, è li per demeriti altrui e l'Atalanta è più forte. 

Al di là del fatto che in 2 partite, il Torino ha fatto 4 punti, frutto di un pareggio a Bergamo e una vittoria in casa, ha vinto con le squadre medio piccole, dove l'Atalanta ha lasciato punti pesantissimi, per voi sarebbe più scarso perchè gioca male? Allora l'Atalanta dovrebbe essere prima in classifica, sopra alla Juve che vince, ma non gioca certo un calcio spumeggiante. E poi in base a cosa dite che gioca male se siete quelli del "Solo 'Talanta"? Cesare Malnati che si vede pure Cosenza-Livorno, può dare un giudizio obiettivo sul Torino, non voi che avete visto giocare i granata solo contro l'Atalanta. A Bergamo si è difeso come fanno tutte le squadre intelligenti tatticamente, a Torino, mi sembra che abbia vinto, dominando il secondo tempo. 

Il Torino, se andate a vedere gli undici titolari, ha giocatori forti in tutti i reparti, un ottimo portiere (non un dettaglio), una difesa solidissima, un buon centrocampo e un signor attacco con Belotti, Falque, Zaza. In panchina un allenatore che fa a gara con Gasperini a chi piange di più, ma nella sua carriera ha fatto molto più di Gasperini, allenando (e bene) il Napoli e altre grandi come l'Inter, senza farsi cacciare dopo 3 giornate. Quello che ha fatto con la Reggina, resterà nella storia del calcio, salvarla con una penalità di 15 punti con Rolando Bianchi goleador assoluto. 

 Davvero inconcepibile la vostra tesi, o meglio ,la tesi di qualche fanatico, perchè finalmente, molti utenti, con immensa gioia, l'hanno silenziato ridicolizzandolo nei fatti. Leggere questi tifosi (e ce ne sono, ma non usano social), mi fa ben sperare. Quando avremo un tifo sportivo, onesto, obiettivo pure a Bergamo, allora potrò davvero chiudere baracca e burattini. Dopo aver sconfinato la violenza, ora dobbiamo vincere la battaglia culturale.