Gosens:"L'Europa ci ha lasciato grandi emozioni, vogliamo tornarci"

28.04.2018 06:30 di Luca Ronchi  articolo letto 1610 volte
Fonte: Itasportpress
Gosens:"L'Europa ci ha lasciato grandi emozioni, vogliamo tornarci"

Gosens, dopo un anno in panchina ad aspettare il suo turno, qualche partita in mezzo a molto scetticismo, ora sta assumendo i contorni di un nuovo brutto anatroccolo diventato cigno della banda Gasperini.

Ha avuto difficoltà ad ambientarsi?

«Abbastanza, per la lingua e soprattutto per il modulo e un calcio che non conoscevo. In Olanda non avevo mai giocato con la difesa a 4, si privilegia la tecnica ma non la parte fisica. E non c’è l’attenzione per la tattica che hanno gli allenatori in Italia».

Il sesto posto è l'obiettivo?
"Noi abbiamo nel mirino l'Europa, tagliare il traguardo è fondamentale. Vedremo se da sesti o settimi. Lottiamo per il sesto posto. L'importante è non perdere puntiper strada e questo conterà più dello scontro diretto con il Milan"

Qual è il giocatore più forte che ha incontrato finora in Italia?
«Douglas Costa: quando parte, è incontenibile. E ha una tecnica impressionante, direi devastante».

Robin Gosens, esterno mancino dell’Atalanta, ha rilasciato un’intervista sul sito ufficiale del club bergamasco; ecco quanto dichiarato: “Ho cercato di imparare il più possibile anche guardando Spinazzola. Quando sono venuto sapevo che davanti avrei trovato un grande giocatore come lui, un nazionale. Il mister mi aveva detto di guardare il lavoro che faceva lui e di farmi trovare pronto quando sarebbe toccato a me. Penso di aver imparato molto da Spinazzola anche in allenamento. Il mio modello? Alaba è sempre stato il mio preferito. Perché può fare tutto, non solo l’esterno. Può giocare a centrocampo, in attacco… ovunque lo metti ha un altissimo rendimento. Avevo preso anche la sua maglia. Il gol a Liverpool? A Goodison Park contro l’Everton. Per me già solo il fatto di poter giocare in Europa è qualcosa di bellissimo, riuscire anche a fare un gol a una squadra così importante, è stata una grandissima soddisfazione. Poi anche a Liverpool c’erano tantissimi tifosi bergamaschi. E’ stato bellissimo”.