La sfortuna colpisce subito, out Palomino. Gasperini:"Ilicic grave perdita, Rigoni da martedi. Ora siamo coperti nei ruoli". Occhio al primo bivio stagionale

19.08.2018 15:41 di Luca Ronchi  articolo letto 3668 volte
La sfortuna colpisce subito, out Palomino. Gasperini:"Ilicic grave perdita, Rigoni da martedi. Ora siamo coperti nei ruoli". Occhio al primo bivio stagionale

 

Sembra quasi un segnale premonitore, ma pronti via ed ecco il problema difensivo che non ci voleva in un reparto con gli uomini contati. Per la gara di domani sarà fuori Palomino, così come non ci sarà Ilicic alle prese con gravi problemi di salute, mentre in attacco via libera a Zapata e Barrow con Gomez. In porta giocherà ancora Gollini. 

L'anno scorso, si erano persi punti sciocchi per via dell'impegno europeo e il rischio di giocare con il Frosinone con la testa al Copenaghen potrebbe costare subito carissimo. Bisognerebbe porsi subito un obiettivo primario e portarlo avanti senza ripensamenti. Gasperini si lamenta (strano) di dover giocare ogni tre giorni, ma è una cosa che riguarda tute le squadre impegnate in Europa League, per cui pianga di meno e scelga le priorità che quest'anno sarebbe opportuno dare al campionato. Poi sul mercato, sembra ora soddisfatto:"Siamo più coperti in tutti i ruoli. Rigoni? Non l'ho ancora visto, arriverà martedi"

«In questo momento penso solo al Frosinone, il Copenaghen viene dopo, sono due partite ravvicinate, giocare al lunedì però non è stata la cosa migliore. La qualificazione a prescindere te la giochi là, abbiamo questo piccolo svantaggio di giocare la seconda gara in trasferta, è evidente che l’attenzione all’Europa è fondamentale, dà un risalto alla stagione, andare ai gironi per il nostro ambiente sarebbe determinante, comprendiamo l’importanza di questo turno».

Il primo turno di campionato, nasconde sempre delle insidie perchè la condizione (Atalanta decisamente più avanti) e l'incognita avversari, può giocare brutti scherzi. 

«La partita d’esordio è sempre particolare perché nasconde diverse insidie. Domani però vogliamo vincere per iniziare nel migliore dei modi. L’umiltà è fondamentale, mi basterebbe vincere 1-0. In casa, abbiamo sempre fallito l’esordio nelle stagioni precedenti, un successo darebbe spinta al campionato e un modo per affrontare al meglio l’Europa, non la prenderemo sotto gamba, il torneo italiano è difficile e nella prima parte è rodaggio per tutti. Giocare per i tre punti è sempre un’emozione particolare, non è mai facile contro una neopromossa che ha cambiato tanto, ma ci sarà squadra attenta, concentrata che vorrà fare subito bella figura, serve qualità contro queste squadre per aprire le loro difese. Sarei contento di vincere anche 1-0, soffrendo, mi andrebbe bene: non partiamo dalla presunzione di vincere le partite nettamente, sarà importante fare i 3 punti e naturalmente giocare un buon calcio». 

Per la corsa all'Europa, Gasperini indica almeno 6 squadre davanti all'Atalanta.

«Abbiamo 6 squadre davanti e devi sperare che almeno una sbagli la stagione e poi ce ne sono altrettante che si giocano quel posto che una di queste magari non riesce a raggiungere: quest’anno l’intenzione di tutti è stata rafforzarsi e puntare in alto, leggendo i numeri è stato vivace, forse anche grazie all’effetto Ronaldo.  I migliori colpi del mercato? Oltre a Ronaldo anche il Milan si è mosso bene con Higuain e Caldara. E complimenti anche all’Inter e alle squadre che puntano alla salvezza. Atalanta più coperta? Ora siamo in tanti, anche in porta dove abbiamo due titolari. Domani giocherà Gollini, ma non sarà sempre così. Poi si vedrà”.

Impossibile non parlare del più fantasioso atalantino, lo sloveno Ilicic, ancora in ospedale, una grave perdita per il tencico piemontese, soprattutto in chiave Europa. «E’ un peccato, è una grande perdita in questo momento, soprattutto per la Coppa, in quelle partite è determinante, si è complicata questa situazione, deve riuscire a risolvere al più presto possibile il problema, sono veramente dispiaciuto, aveva fatto una preparazione straordinaria».