Spinazzola:"Juve? Resto ancora un anno a Bergamo"

 di Luca Ronchi  articolo letto 1847 volte
Fonte: Gazzetta dello Sport
Spinazzola:"Juve? Resto ancora un anno a Bergamo"

Ma proprio contro la Juve doveva fare autogol?

«Cose che capitano, non avevo neanche visto il pallone. Ma ero tranquillo, anche se dopo aver segnato, diciamo così, ho cominciato a sentire i ronzii nella testa».

E se la Juve dovesse chiedere di anticipare il suo arrivo?

«Non credo di essere pronto, il tempo deciderà».

E’ stato Bisoli a cambiarle ruolo?

«Sì, l’anno scorso prima di Perugia-Brescia. Avevo iniziato il campionato come mezz’ala, poi un giorno mi dice: “ti voglio provare terzino”. E’ andata subito bene, è stata la svolta della carriera».

Bisoli ha detto anche: “Spinazzola è forte, ma deve sporcarsi la faccia”.

«Aveva ragione: per carattere non sono uno cattivo…».

Bisoli e Gasperini, gli opposti: uno sanguigno, l’altro riflessivo.

«Sì, ma guardate che anche Gasp ha un bel caratterino».

Quali sono le difficoltà del suo gioco?

«L’intensità, gli anticipi, i rischi dell’uomo contro uomo. Un’idea che andava assimilata e infatti l’inizio è stato complicato, pensiamo ai 4 gol presi dalla Lazio».

Atalanta in Europa

«Strano, vero? Solo un folle l’avrebbe pensato in estate. Siamo stati bravi a crederci in gennaio quando altre squadre hanno mollato. Abbiamo capito che si poteva puntare a qualcosa di importante e sono arrivati i risultati».

La svolta?

«L’andata con il Napoli, quando si arrivava da un momento difficile. E il ritorno al San Paolo quando si è visto che potevamo giocarcela con tutti. Due vittorie fondamentali».