L’Atalanta rimette in gioco tutto e tutti. Troppa convinzione di aver già vinto. Caprari e Zapata, due nerazzurri mancati. Gomez-Cri-Peta. Il recupero ha favorito la Samp. Fiorentina, quando la testa conta più delle gambe. Stanchezza?

03.04.2018 20:42 di Luca Ronchi  articolo letto 2279 volte
L’Atalanta rimette in gioco tutto e tutti. Troppa convinzione di aver già vinto. Caprari e Zapata, due nerazzurri mancati. Gomez-Cri-Peta. Il recupero ha favorito la Samp. Fiorentina, quando la testa conta più delle gambe. Stanchezza?

Stamattina, parlando con i grandi anziani dell’Atalanta, ho detto loro:”Sapete cosa vi dico? Punto 2 centesimi sulla Sampdoria quotata a 8! Sono sicuro che non vince”

Non sono un mago, semplicemente da obiettivo non tifoso, riesco ad analizzare i momenti più dei tifosi che fosse per loro, l’Atalanta vincerebbe sempre con la Juve, Napli, Milan, Real Madrid.

Sapete quando vi sentite di “brutto un risultato”? Ecco, era quello che mi sentivo io da ieri, dopo la sconfitta contro il Chievo, il ritiro pasquale, sapevo che sarebbe arrivata a Bergamo una Samp affamatissima, con la voglia di giocarsi una finalissima, mentre i nerazzurri, pensavano di trovarsi di fronte una squadra falcidiata da infortuni e assenze pesanti, sentendosi già in tasca i 3 punti, o mal che andava, di mantenere le distanze.

Mentre ora la SAMP, PUR ESSENDO A PARI PUNTI IN CLASSIFICA, è AVANTI PER VIA DEGLI SCONTRI DIRETTI.

In 90’ l’Atalanta ha perso un match point con la Samp e se il Milan che qualcuno definisce scarso (terzo in classifica da gennaio), se dovesse vincere il derby, andrebbe a più 6, praticamente irraggiungibile .

UNA SCIAGURA DA SQUADRA CHE a livello di maturità, ha fatto un netto passo indietro. GUAI SENTIRSI Già I TRE PUNTI IN TASCA PRIMA DI GIOCARE.

IL RECUPERO- Alla luce dei fatti, se si fosse giocato un mese fa, l’Atalanta era obbligata a vincere per ridurre le distanza dalla Samp, mentre a loro volta i blucerchiati potevano venire a Bergamo chiudendosi alla caccia di un pareggio, tattica suicida contro i nerazzurri di Gasperini.

L’ATALANTA è stata punti da 2 giocatori che potevano oggi vestire i colori nerazzurri. Caprari era praticamente fatto, mentre su Zapata si è preferito non investire per non turbare i sonni di BIERHOFF PETAGNA.

BIERHOFF- L’ariete triestino mi ricorda l’ex attaccante tedesco del Milan. Piedi di ferro, tecnica approssimativa, ma di testa segnava sempre. Cosa che Petagna non fa, ma anche oggi , dopo il gol di sabato, ci è andato vicino al 40’ , poco prima del gol di CAPRARI.

BERISHA- E se non fosse stato per Berisha che ha tolto una punizione di Ramirez diretta agli incroci al 45’ del primo tempo, il passivo poteva essere più pesante.

Il gol di Caprari è arrivato per un pasticcio difensivo di Castagne e Toloi. Il brasiliano si era in parte fatto perdonare con il gol del pareggio, ma poi un’altra distrazione difensiva, ha portato il gol di Zapata, riportando la Samp in gioco per l’Europa e con entusiasmo in vista del derby di Genova di sabato sera.

GOMEZ-CRI-PETA- Come al solito, per i tifosi, basta una partita per cambiare giudizi di mesi. Petagna da Nazionale per il gol all'udinese, Gomez ritrovato e Cristante da Juve, Tottenham o Barcellona vale 30mln. 

Il sottoscritto, fermo sulla sua linea che valuta un giocatore sulla base di 10-15 partite, non cambia giudizio e ribadisce. Gomez un lontanissimo parente dell'anno scorso e non lo vedremo mai più a quei livelli. Destinato a finire la carriera qui o in Argentina. Petagna nulla come attaccante, buon trequartista (ma quanto serve se non gioca nemmeno per la squadra?), Cristante molto discontinuo, è un bluff e vedrete che a giugno se andrà via, non gli offriranno più di 10 milioni, ma dubito che squadre italiane si facciano infinocchiare dopo l'esperienza Gagliardini e in parte Kessie che gioca si titolare, ma non vale certo 30mln.

FIORENTINA- A proposito di entusiasmo, è pazzesco quello che sta facendo la Fiorentina. La morte di Astori ha letteralmente cambiato volto a una squadra normale, sulla via di una posizione di classifica anonima, in un’armata invincibile. Dimostrazione come la testa conta molto più delle gambe e degli alibi. La domanda però sorge spontanea: dov’era prima la Fiorentina? Devono succedere certe tragedie o cataclismi per far rendere al massimo un giocatore? Da prendere a calci in culo questi ragazzotti in mutande.

STANCHEZZA?- Gasperini ha detto che l'Atalanta h accusato la stanchezza. Dite al mister che la Samp non solo ha giocato pure lei sabato, ma per di più in trasferta e alle 18. GASPERINI DA TE GLI ALIBI NO EH...

Ora attenzione pure al TORINO CHE IN CASO DI VITTORIA CON IL CROTONE PUò TORNARE IN CORSA. CHE DANNO QUESTA SCONFITTA.

Tornando all’Atalanta, sabato contro la Spal è una partita da non sottovalutare, perché i biancoazzurri sono in forma e arrivano da 2 risultati importantissimi contro Juve e Genoa. Urge un’Atalanta umile e affamata, sennò addio sogni europei.