Tutto perfetto! Così nemmeno nei sogni, Il presente è già storia, Everton schiantato 3-0, primi nel girone. Si respirava aria di impresa. Uno su tutti? Toloi monumentale. Il Chievo il peggior avversario che poteva capitare. Che rabbia i tifosi...

14.09.2017 20:52 di Luca Ronchi   Vedi letture
Tutto perfetto! Così nemmeno nei sogni, Il presente è già storia, Everton schiantato 3-0, primi nel girone. Si respirava aria di impresa. Uno su tutti? Toloi monumentale. Il Chievo il peggior avversario che poteva capitare. Che rabbia i tifosi...

Ci sono partite che diventa difficile commentare, quelle in cui una squadra subisce 4-5-6 o 7 gol come a San Siro l’anno scorso, per contro ce ne sono altre, dove resti a bocca aperta, senza parole e ogni commento diventa superfluo. E' quello che è successo stasera con l'Atalanta che vicne 3 a 0 contro l'Everton. Si, si avete letto bene, 3 a 0!

GIORNATA DA ORGASMO- Segnatevi il 14-09-2017 perché questa data è già entrata nella storia, se ne parlerà per decenni e quando lo si farà, verrà ricordata come una giornata storica, perfetta, che nemmeno nei sogni si poteva immaginare.

Uno stadio di Reggio che sembrava il Comunale, entusiasmo e tensione che si tagliava a fette fin dalle prime ore del giorno, gente che ha chiuso le saracinesche  a mezzogiorno per la partita. Insomma, tutto bellissimo, ma il fantastico doveva ancora arrivare, ed è arrivato in 45’ di gioco indimenticabili disputati dai nerazzurri.

In 45’ l’Atalanta ha letteralmente massacrato l’Everton che ha osato alzare la testa per 2-3’ all’alba del primo tempo, poi il buio pesto.

UNA SOLA SQUADRA AL COMANDO- In questi casi, per archiviare la pratica, si può dire: beh, l’Everton si è dimostrato poca roba, più storia, nome, giocatori singoli che squadra, ma se è vero che in Premier hanno iniziato in modo pessimo, c’è da dire che ha perso contro Chelsea e Tottenham, non due squadrette.

ESPERIENZA vs ENTUSIASMO- L’esperienza degli inglesi, era nettamente superiore a quella dei nerazzurri che sulla bilancia potevano mettere l’entusiasmo, ma soprattutto le MOTIVAZIONI di presentarsi agli occhi dell’Europa in doppio petto e così è stato. Non era facile giocare così disinvolti dopo 26 anni di assenza e con un'atmosfera da far tremare i polsi. L'Atalanta ha fatto un po' quello che fanno le neo promosse in serie A che spesso battono le prime della classe sulle ali dell'entusiasmo e della sana follia. 

TRA SOGNO E REALTA’- Tre gol in 15’, nemmeno il più talebano dei tifosi, avrebbe potuto pronosticarli, anche se con il passare dei giorni, molti scettici della prima ora (giocatori e società compresi), stavano prendendo coscienza di poter realizzare l’impresa, contro un Everton in piena crisi di risultati, ambientale e con Rooney spettatore in campo non pagante.

TRE GIORNI EUROPEA- In attesa della Lazio, dopo due giorni di Champions da scempio, con un punto in tre partite, il Milan ha raddrizzato la sconfitta di domenica contro la Lazio (il primo gol fantastico di Ciàlanonna.. il turco per intenderci), ma la vera impresa di cui ne parleranno tutti i media nazionali e non solo, è stata senza ombra di dubbio LA SCHIACCIANTE VITTORIA E PRESTAZIONE DELL’ATALANTA.

GIRONE GIA’ DELINEATO?- Dopo la prima giornata, troviamo a sorpresa (ma nemmeno troppo), l’Atalanta prima con il Lione fermato clamorosamente  dall’Apollon a 1 punto.

Ecco, se per stasera ero molto ottimista e avrei scommesso 2 euro sull’1 senza problemi, contro il Lione però, in FRANCIA, SARà DAVVERO IMPRESA TITANICA PORTARE VIA SOLO UN PUNTO. I francesi giocano bene, hanno messo la Coppa nel mirino per il fatto che la finale si giocherà proprio a casa loro e in Champions non ci andranno sicuramente dalla porta principale, non vincendo il campionato.

Beh, ma chi non firmerebbe per arrivare secondi? Tra due settimane potrebbe esserci una classifica con Lione a 4, Atalanta e Everton a 3 e Apollon a 1, ma poi….. Ok, fermiamoci qui. Un passo alla volta.

TOLOI O BONUCCI?-GOMEZ O DEL PIERO?- Con la foto dell’articolo ho voluto premiare tutta la squadra (Petagna il solito…. Va beh, per stasera 6 politico), ma se devo sceglierne uno, allora dico Toloi. Mostruoso in difesa e in fase d’impostazione come il Bonucci delle passate stagioni alla Juve. Tutti gli altri da 7 con punte da 7,5 PER IL GOL DI Gomez alla Del Piero.

VERONA PROVA DEL 9, ECCO COSA ATTENDE I NERAZZURRI- Un passo alla volta però, che vedrà L’Atalanta subito in campo domenica contro il Chievo in campionato. I pericoli sono tantissimi. Vediamoli.

-Dopo una serata del genere, una squadra non abituata (come non lo è l’Atalanta), è capace di andare in ferie di testa per un mese con la pancia piena e questa sarà la prima prova da superare. La tenuta mentale sarà tutta da vedere. Per contro, una squadra matura (lo sarà?), dopo un 3 a 0 all'Everton va a Verona sulle ali dell'entusiasmo e ne rifila altri 3 pure ai clivensi. 

-La seconda questione: la tenuta fisica. Stasera hanno giocato a sorpresa con un centrocampo a 5, senza Kurtic (sarà un filino avvelenato) che sembrava designato a sostituire Ilicic infortunato. Mentre Gasperini ha scelto Cristante, diventato il suo figlioccio e quando un giocatore sente la fiducia del mister, dà sempre un 10-20% in più. Domenica rivedremo Caldara al posto di un grande Palomino, ma chi sostituirà masiello o Toloi? Mancini farà il suo debutto?

-Considerando che si giocherà poi anche mercoledi, Gasperini dovrà fare i conti pure con le fasce, dove ha gli uomini contati. Vedere come verrà gestito il turn over, è un altro argomento d’interesse.

-E poi le motivazioni. Il Chievo arriva alla partita con l’Atalanta con la voglia feroce di dimostrare che i clivensi possono battere l’Atalanta europea, vogliono riscattare le ultime due sconfitte con Lazio e Juve e arriveranno dopo una settimana in cui hanno potuto preparare solo la partita di domenica. Sarà durissima. Per contro l’Atalanta, potrebbe pagare le fatiche di coppa e le motivazioni di rituffarsi in campionato giocando contro il Chievo che non stimolano di certo la testa e le gambe di giocatori, reduci da un 3 a 0 contro l’Everton. Paradossalmente era meglio incontrare la Juve.

INSOMMA, i temi per l’ennesimo esame che i nerazzurri dovranno affrontare sono tanti, vedremo quanto secchioni sapranno essere gli eroi di Reggio Emlia.

TIFOSI- Mi verrebbe voglia di mandarli a….. UNA COSA STUPENDA, UNA CURVA E UN TIFO DA PELLE D’OCA, UN SUPPORTO PAZZESCO, IL VERO 12°-13° E PURE 14° UOMO IN CAMPO, ma per le loro follie mentali sulla tessera del tifoso, privano la squadra di un supporto come quello visto e sentito stasera, pure nelle trasferte di campionato. Ora che in curva è rimasta la parte sana del tifo, fate un ulteriore passo e cominciate ad andare pure in giro per lo stivale. Una tifoseria così, sarebbe capace di riempire i settori ospiti di Milano, Torino, Napoli, Roma. Che rabbia, voi e quella cazzo di tessera Punti Fragola.