Come evitare finali di stagioni molli? Contratti fissi e una parte a progetto in base alla classifica. La Samp apre la strada al futuro, quanti giocatori accetteranno? Nessuno!

14.05.2019 18:23 di Luca Ronchi   Vedi letture
Come evitare finali di stagioni molli? Contratti fissi e una parte a progetto in base alla classifica. La Samp apre la strada al futuro, quanti giocatori accetteranno? Nessuno!

Ormai ogni vittoria o sconfitta, è un biscotto, anche una partita V E R I S S I M A come Fiorentina-Milan 0-1 per i terrapiattisti, è stata una farsa. Tutti si scansano, tranne contro l'Atalanta ovviamente. La Fiorentina non ancora salva con una contestazione di piazza in corso, si è scansata, certo. Ma andate a fare in c**o va!

Tra l'altro, cari coglionazzi, chi arriva decimo in classifica, ha ben 6,5mln di introiti in più grazie ai diritti tv, per cui chi pensa che la Fiorentina si è scansata, merita di tifare Atalanta, la squadra più ladra dell'ultimo ventennio. 

Anche domani la Lazio si scanserà, il palazzo vuole far vincere l'Atalanta. Io scherzo, ma qualche coglionazzo ha già scritto sui social che bisogna stare attenti alla terna arbitrale che favorirà la Lazio. Pagliacci! L'Editoriale di Roberto Belingheri sui complottismi, a questa feccia di dementi, gli trapassa il cervello vuoto senza lasciare traccia. Stamattina ho incontrato un noto giornalista talebano dell'Atalanta, UNO di quelli che voi idolatrate e mi ha detto:"Complotti? Ma per cortesia, per il terzo anno andiamo in Europa, siamo in finale, al massimo il complotto è a favore. Sono dei poveretti" UN GRANDE!

Pure Luca Percassi vi ha smentito dicendo che giocare a Roma non cambia proprio nulla. Smerdati pure dal vostro presidente. Ridicoli fanfaroni!

Ma non è colpa vostra, Masiello e doni vi hanno rovinato il cervello e i vostri figli nasceranno con dei padri malati. Condoglianze. 

Messi a cuccia i dementi, la Sampdoria, lancia una proposta per evitare finali di stagione molli: contratti a progetto in base alla classifica finale. Siamo alla follia eh, perchè se un giocatore strapagato ha bisogno pure degli incentivi per impegnarsi nel G I O C A R E, siamo alla vergogna più totale. 

Condivido la proposta, ma secondo voi quanti la sposeranno? Non si possono creare isole di professionalità e altre dove se ne fottono della regolarità del campionato. La Juve non si sta sicuramente comportando in modo professionale, speriamo lo faccia domenica per il bene del campionato. Andare in Champions per un regalo, magari dietro a qualche promessa di mercato sarebbe l'ennesimo scifo che ha contraddistinto negli anni questa piazza che meritava la retrocessione in C, ma gli hanno salvato il culo perchè tra le piccole, l'Atalanta era la grande coinvolta. Hanno punito Siena, Novara, Cremonese etc etc.

Ma questo i terrapiattisti non se lo ricordano, hanno il cervello che fa aria da tutte le parti. Scirvono porcate sui social che poi puntulmente non si avverano mai. Poi sono io che scrivo cavolate, io che ho anticipato con giorni d'anticipo l'arrivo di de Roon, l'arrivo di Ibanez e Conte all'inter con 2 mesi d'anticipo. Voi scrivete cagate, ma avete la fortuna che non vi caga nemmeno il vostro cane. 

Pensate se quello che hanno fatto al Palermo, fosse successo a Bergamo? Ahahaah, oggi vi buttavate giù tutti dalle mura gridando al GOMBLOTTO. Pensa che bello, un suicidio di massa dei coglioni, libertà da questi falliti della vita atalantini che vivono ossessionati dal sottoscritto. Apritevi un blog, magari 2 persone che vi leggono dal manicomio le trovate anche. Ahhhh Ridicoliiii. Gente che vive sui social per invidia e rancore nei confronti di BgNerazzurra che è semplicemente stata sempre contro i violenti, i complottisti, allA cultura meschina delle combine, all'antisportività. Se siete contro per questo, SONO ORGOGLIOSO E FIERO DI ESSERE ODIATO DA VOI ESSERI INFERIORI. 

PRESTO PER GLI HATERS SARA' LA FINE, NON TROVERETE PIù LA PAGINA SUI VOSTRI COMPUTER O CELLULARI DA 4 CENTESIMI CON LA FOTO DI GOMEZ COME DEI BAMBINONI DELL'ASILO, MAGICO NO? Siete finiti infami incappucciati! Sfigati! 

DOPO SAMP-EMPOLI (dalla Gazzetta)

Così, proprio no. Il giorno dopo è forse persino peggio, perché la notte di domenica non ha anestetizzato i dolori della sconfitta con l’Empoli ma, semmai, ne ha amplificato i toni e le asprezze. Ma per «alzare l’asticella», come va dicendo ormai da tempo Marco Giampaolo invocando l’ultimo salto di qualità per la sua Sampdoria, serve arrivare a fine stagione con una squadra ancora carica e motivata. Che ci sia o no un piazzamento Europa League da conquistare, l’obiettivo deve essere un fatto secondario. «Ecco perché dico che dobbiamo capire i motivi di questi finali di stagione», spiega il vicepresidente sampdoriano Antonio Romei.

Incentivo

Un modo, però, per tenere alta la tensione e motivare la squadra sino all’ultima giornata, è già stato trovato, e presto verrà esteso anche a tutti i nuovi acquisti blucerchiati e a coloro che, già in rosa, si troveranno a ridiscutere ed allungare il loro contratto. Incentivi legati ai punti, ecco la soluzione: questa voce compare già nei contratti di Praet, Colley e in quello prolungato di recente di uno sfortunatissimo Barreto. Di fatto: una base fissa, ma emolumenti a crescere in base ai punti conquistati a fine campionato dalla Samp. Ovvio che alla base di tutto ci sia sempre la professionalità dei propri tesserati, ma uno stimolo in più può arrivare proprio da questo.

Giornate nere

Nella pratica, in una gara come quella con l’Empoli, anche se priva di interessi per la classifica dei blucerchiati, un incentivo economico parametrato sui punti avrebbe potuto rappresentare uno stimolo in più. E, se applicato su larga scala, può avere un’importanza determinante nell’evitare certe giornate nerissime. Anche se, e qui va dato atto all’avvocato Romei di avere ragione, «anche prima della presidenza Ferrero, quando si avvicinava la fine del campionato, nella Samp calavano le motivazioni e le prestazioni finivano per risentirne. Una situazione che non si deve verificare».

Delusione

La Samp, intesa come dirigenza e allenatore, ha accusato la sconfitta interna contro i toscani, anche per i veleni che si è portata dietro visto il ruolo-chiave di Caputo e compagni nella lotta per la salvezza. In un certo senso è una lezione che servirà per il futuro: «Per fare il salto di qualità – spiega ancora Romei – dobbiamo crescere a livello mentale. La Sampdoria necessita di qualcosa in più per gestire e magari vincere quelle partite dove fa una buona prestazione, ma poi le capita di uscire sconfitta dal campo. E’ una crescita che può avvenire solo per gradi: ecco perché quanto ottenuto sino ad oggi non va assolutamente messo in discussione». Il vertice club-allenatore della prossima settimana verterà anche su questo aspetto, oltre che sulle reali ambizioni della società blucerchiata che Giampaolo (con un contratto già firmato sino al giugno 2020) vuole mettere sulla bilancia per confrontarle con le sue ambizioni personali. Comunque vada, mai più in futuro una domenica nera come quella con l’Empoli.