Cura danese per l'Atalanta malata

15.10.2018 12:25 di Luca Ronchi  articolo letto 2335 volte
Cura danese per l'Atalanta malata

Jens Bangsbo è da ieri ufficialmente a Zingonia. E chi 'zzo è? Non è un giocatore, ma uno "scienziato" danese 61enne che lavorò nella Juve di Ancelotti e di Lippi dimostrando grandi qualità e idee innovative.

Definire Bangsbo ha studiato fisiologia dello sport e si è specializzato nella preparazione dei calciatori approfondendo anche molti aspetti riguardanti l’alimentazione. Bangsbo si può definire uno scienziato del calcio, inventore dello yo-yo test, usato da molti allenatori (tra cui Antonio Conte ai tempi dell'Atalanta) per valutare l’efficienza fisica dei calciatori. E’ un teorico degli esercizi atletici praticati con la palla. Bangsbo è una via di mezzo tra un vice allenatore (perché, come detto, ha specifiche competenze tecnico-tattiche) e un preparatore atletico. Negli anni in cui il danese collaborò alla Juve prima con Ancelotti e poi con Lippi, Gasperini lavorava nel settore giovanile bianconero e probabilmente apprezzò la professionalità e le competenze di Bangsbo. E adesso ha deciso di affidarsi a lui per confrontarsi sulla situazione attuale dell’Atalanta, per valutare eventuali correttivi al lavoro quotidiano a Zingonia e anche per analizzare meglio il comportamento atletico e tattico dei giocatori durante le partite

La decisione di allargare lo staff dimostra la volontà del club e dell’allenatore di non lasciare nulla al caso, nonostante la qualità della rosa, la classifica è preoccupante. Alcuni giocatori sono in calo di condizione (Freuler, Ilicic, Gomez), altri sono fuori dagli schemi di Gasperini come Pasalic e Zapata.  Adesso probabilmente il tecnico vuole modificare qualcosa e spera anche che alcuni suoi elementi trovino in fretta la forma migliore. A Bangsbo non mancano le idee e anche la capacità di analizzare i dati che gli verranno sottoposti. Vedremo se dopo il flop Cornelius, sarà un altro danese a risollevare l'Atalanta malata