Gasperini:"Prendiamo troppi gol su calci piazzati, ma il risultato non deve toglierci entusiasmo". Masiello:"Serve maggiore attenzione in fase difesniva". Oggi Kjaer e se parte Barrow in arrivo il portoghese....

02.09.2019 05:42 di Luca Ronchi   Vedi letture
Gasperini:"Prendiamo troppi gol su calci piazzati, ma il risultato non deve toglierci entusiasmo". Masiello:"Serve maggiore attenzione in fase difesniva". Oggi Kjaer e se parte Barrow in arrivo il portoghese....

«È stata una partita strana ma non abbiamo sofferto particolarmente: il risultato è un pò casuale. La squadra ha fatto però molto bene e creato tantissimo». Due delle tre reti della squadra di Mazzarri sono arrivate da palla inattiva. "Non possiamo continuare a prendere gol su calcio piazzato, in passato il nostro punto di forza"

"Siamo ancora in fase di rodaggio, come molte altre squadre, subiamo gol pesanti che condizionano il risultato e la prestazione: l’abbiamo buttata via noi. Abbiamo dovuto rincorrere e una volta in vantaggio non siamo riusciti a mantenere il risultato. Questa partita non deve però togliere slancio alla squadra, possiamo far bene anche quest’anno». Per Gasperini chiosa finale dedicata alla situazione di Skrtel: «Avrebbe potuto giocare ma ha manifestato delle difficoltà nella difesa a tre".

Gasperini non si mostra arrabbiato, piuttosto dispiaciuto, questo sì, per non aver raccolto nemmeno un punto in una sfida dove la sua Atalanta ha creato tanto, specialmente nella prima parte:"Gara buttata via, è stato un k.o. casuale. Abbiamo sbagliato su due calci piazzati fotocopia, ma lì si deve difendere in dieci... E ci vengono dentro con troppa facilità. Il calcio però è fatto anche di episodi favorevoli e sfavorevoli. Noi abbiamo costruito molto e non siamo riusciti a raccogliere in proporzione. Avremmo meritato di più. Bravo il Torino per aver capitalizzato quasi tutte le azioni pericolose. Qualcosa non ha girato per il verso giusto, è altrettanto chiaro che sono soddisfatto del volume di gioco prodotto". "Kjaer? Ha già fatto le visite ma andrà con la Nazionale danese e lo riavremo in gruppo tra una decina di giorni"

MASIELLO

Il difensore dell’Atalanta Andrea Masiello ha commentato così in zona mista il ko subito in casa per mano del Torino: “È una sconfitta amara, ci tenevamo a vincere e ad andare a punteggio pieno, purtroppo non ci siamo riusciti. Usciamo da questa partita un po’ con le scatole girate, non meritavamo di perdere perché abbiamo creato tantissimo. Come spesso ci capita caschiamo su errori non da noi, serviva concentrazione in più per portare a casa il risultato. Siamo all’inizio, dobbiamo valutare gli errori che commettiamo che purtroppo ci complicano le partite. Siamo una squadra che crea tanto e questi errori ci penalizzano. È un momento in cui subiamo due tiri in porta e prendiamo due gol, ma al tempo stesso creiamo tantissimo. Dobbiamo migliorare in queste situazioni perché non ci possiamo complicare la partita così. Ci rimboccheremo le mani e ripartiremo più forti di prima. Sarebbe stato buono anche non perdere, ci rimboccheremo le maniche perché non possiamo commettere certe disattenzioni in una partita comunque positiva”.

Su Arana: “Sensazioni molto positive, mi sembra un ragazzo che ha voglia di mettersi in mostra. Poi è normale che c’è entusiasmo, vuole inserirsi nel gruppo ed è molto disponibile”.

Sui sorteggi della Champions League: “È un girone che sembra alla portata, ma secondo me è complicato lo stesso. Dovremo farci trovare pronti perché affronteremo delle battaglie. Siamo molto amareggiati per questa sconfitta perché ci tenevamo ad andare a punteggio pieno”.

MERCATO- Oggi c’è l’ufficializzazione dell’arrivo di Simon Kjær e il tentativo per la punta. Si parte dal danese che ieri ha già firmato il contratto: con il Siviglia accordo per il prestito secco per una stagione. Venerdì l’accelerata, dopo l’addio a Martin Škrtel. Ora spazio a Kjaer, che già un anno fa provò a tornare in Italia. Non è da escludere che la società provi a chiudere per un jolly d’attacco: piace il portoghese Francisco Trincão, 19enne del Braga (contratto in scadenza nel 2023). Se arrivasse lui ci sarebbe il «via libera» per Barrow: su lui Lecce, Torino e Verona.