Giornalisti piangono per il trattamento del Franchi ma si dimenticano in fretta. Palomino tocca a te. Ora la colpa è del giornalista Rai, non sapete le 4 regole e a parti invertite. Salvate Roberto e i due Cesare. Alcune verità mai dette.

28.02.2019 19:07 di Luca Ronchi  articolo letto 3542 volte
Giornalisti piangono per il trattamento del Franchi ma si dimenticano in fretta.  Palomino tocca a te. Ora la colpa è del giornalista Rai, non sapete le 4 regole e a parti invertite. Salvate Roberto e i due Cesare. Alcune verità mai dette.

GIORNALISTI PIANGONO- Incredibile! Alcuni giornalisti hanno pianto vittimismo per il trattamento riservato in tribuna al Franchi di Firenze dai tifosi dell'Atalanta presenti in tribuna, colpevoli di aver "esultato troppo". Al di là della follia in se della cosa, qualche giornalista bergamasco si dimentica dei bambini in lacrime, fatti spogliare della maglietta della Juve in tribuna UBI, oppure di quei pseudo mentecatti che invitavano i tifosi avversari a non venire a Bergamo perchè volevano uno stadio nerazzurro. Sempre secondo questi idioti, un padre e un figlio, della Juve, Milan, Inter (squadre che hanno milioni di tifosi in tutto il mondo, guarda un po'), non possono assistere la partita dalla tribuna o dalla curva sud. 

VOGLIAMO PARLARE DELLE VIOLENZE RISERVATE DA VOI TIFOSI a quelli della Juve che hanno festeggiato lo scudetto della Juve in centro? "Andate a Torino". Perchè? C'è la dittatura nerazzurra? Vi svelo un segreto: a Bergamo ci sono più tifosi della Juve, Milan e Inter di quelli dell'Atalanta. Un bergamasco non deve per forza nascere atalantino, perchè il tifo di una squadra dipende da mille variabili: famiglia, gruppo di amici, passione per un tal giocatore in quel momento storico, visibilità mediatica (negli anni di Sacchi tutti milanisti, di Mouriinho interisti e oggi juventini), la preferenza di colori rispetto ad altri. Conosco due amici di Bergamo che tifano Samp perchè sono nati negli anni di Vialli e Mancini e per la bellezza della maglia. Possono o voi giornalisti tifosi glielo vietate?

Quando mi sono trovato allo stadio vicini con sciarpe di altre squadre (non a Bergamo dove si trova gente buzzurra), non ho mai avuto nessun problema, anzi, si parlava delle rispettive squadre serenamente. Idem lo fanno un sacco di persone atalantini che conosco e frequentano la tribuna. Ma ogni stadio ha la sua quota di trogloditi, a bergamo avete la sfortuna di averne in maggioranza. 

COMUNQUE CI SONO ALCUNI GIORNALISTI che meritano un plauso: oltre a Roberto Belingheri che arriva a innervosirsi se gli parlate di complotti, Chiesa che si tuffa, arbitri, vittimismi e piagnistei (chapeau!), Cesare Zapperi sempre molto obiettivo, un che  si frantuma le balle se in una trasmissione, per 58' su 60', si parla di arbitri, complotti, e var. Lo adoro, sempre molto obiettivo, uno che ti dice:"Invece di parlare della bella prestazione dell'Atalanta, si continua a parlare solo di arbitri, var e complotti" Siete matti! Poi Cesare Malnati che va un po' a corrente alternata, ma ci fossero giornalisti così obiettivi, bravo Cesare! La sua colpa è che è della Lazio (si nasce tifosi, prima che giornalisti, ma forse non ci arrivate), per cui di conseguenza non piace a tutti i mononeuroni nerazzurri. Mentre sono rimasto profondamente deluso dall'inversione a U di un giornalista che leggo sempre e stimo molto, ma negli ultimi anni si è venduto al populismo nerazzurro. Non faccio il nome perchè mi auguro che torni presto sulla retta via....

TIFOSI SOCIAL- Per fortuna che c'è qualche tifoso che li prende metaforicamente a coppini e lo stesso Malnati, quasi depresso, non sa come rispondere a gente che scrive certe cose da far pensare che dietro certi profili, si nascondano persone con gravi problemi mentali. L'ultima è da pazzi: gente indignata per la telecronaca Rai. Si, giuro che avete questi tifosi. Un povero giornalista rai che ha elogiato l'Atalanta per il suo gioco, PER LA SUA ORGANIZZAZIONE  e società, viene dipinto come tifoso fiorentino. Qualcuno è arrivato a scrivere che la Rai faceva solo primi piani a Chiesa!!! GIURO, è tutto vero! Probabilmente ha scambiato Chiesa per Belen, gli serviva scaricare la tensione della partita. 

Perchè, perchè, perchè siete così capre? Ma queste cose pensatele o ditele  al bar sotto casa, non sui social dove fate figure da cani. Avete le scimmie urlatrici nel cervello, vedete tutto un complotto, un disegno contro l'Atalanta come lo vedevate in Coppa Italia con la Juve. Poi a fine partita, puntualmente smentiti, ritornate nella fogna. 

CORNER- Ho parlato troppo presto, ma anche sulla pagina di Corner, tra i pochi tifosi obiettivi che parlano di calcio e non di Chiesa o altre puttanate, stanno avanzando i trogloditi, i piangina, quelli che c'è solo l'arbitro, quelli che "Ilicic è un fenomeno", mentre "Chiesa un buon giocatore paingina". Mi sa che a breve toglierò il like, mi ero illuso troppo presto. 

VAR- Giuro che il Var ha 4 regole di numero ( ci mettete meno a leggere che scrivere un raglio sui social), ma ai tifosi atalantini gli viene il mal di testa leggere 5 righe, devono prendere il Moment per 2 giorni. Però siete campioni del mondo nel piangere per il fallo inesistente di Hatebor sanzionato con il cartellino giallo (giusto, ma l'arbitro può sbagliare in buonissima fede?)

TOLOI- A proposito, dite a SERINA che Toloi non è stato ammonito per PROTESTE, ma per un fallo su una ripartenza della Fiorentina. Serina dai cristo, uno attento come te....

Reclamate la Var quando per regolamento non è prevista per le ammonizioni. Però un tifoso su 1000 devo dire che merita un nobel per l'intelligenza e cordialmente ve lo fa notare, ma senza successo, gli altri utenti che ovviamente non leggono i commenti precedenti, vanno dritti come asini per la propria strada. Il primo fa la figura del cazzaro, ma il decimo è sommerso di merda. 

A PARTI INVERTITE- ORA PURE LA FIORENTINA è diventata grande. Secondo voi, a parti invertite il rigore di Ilicic l'avrebbero dato. Non ci sono parole per definirvi. Una cosa da far ridere tutta l'Italia del tifo. Dite la verità, siete gemellati con i napoletani via social. Non si spiegano questi post, per altro evidenziati come argomenti di discussione. Come mettere in mostra la propria ignoranza con orgoglio. 

Peccato CHE NESSUNO ABBIA FATTO NOTARE CHE L'ATALANTA HA AVUTO 30H in più di riposo e nonostante questo alla fine la Fiorentina correva come i nerazzurri. A parti invertite, oggi sareste qui a sottolineare la cosa come unica vostra ragione di vita. 

PALOMINO- Come per Berisha, anche Palomino è un giocatore dell'Atalanta, ma è un po' diverso da Gomez l'intoccabile. Palomino, parole di voi giornalisti e tifosi, fino a 2 mesi fa era il "MIGLIOR CENTRALE DELLA SERIE A". ORA è DIVENTATO LENTO, IMPACCIATO E MEDIOCRE!! Sono senza parole. Non è che vi fate trasportare un po' troppo dai giudizi per 3-4 partite fatte bene? Per essere i migliori, servono continuità di campionati, non 5 partite o un singolo campionato come è successo a Gomez 2 anni fa. Ilicic, Gomez, Zapata, Palomino, sono ottimi giocatori per l'Atalanta, ma se a 30 anni giocano in una provinciale, fatevi una domanda, Giuro che la risposta non è complicata, ci arrivate anche voi, dai forza! 

INCIDENTI- Questa è enorme. Secondo qualche incappucciato social, i fatti di ieri notte, sono da paragonare a quelli della scuola Diaz (se siete giovani andate su internet a cercare) o al caso Cucchi. Puahahahaahahahaah. Per favore pietà! "Abuso di potere", "cose indegne", addirittura Belotti che fa interrogazioni parlamentari. Dunque  la polizia così, dal nulla, è salita sul pullman di tifosi e ha cominciato a menare gente. Perfetto, questa secondo voi è la versione a cui credere, quella di qualche professionista che lavora e guadagna grazie alla demenza ultras el'Eco di Bergamo dovrebbe scriverla a caratteri cubitali.  Povero Berlingheri.... 

AH! Ci sono alcuni tifosi indignati che stanno condannando questi teppisti, dicendo che loro con l'Atalanta non c'entrano nulla, la Polizia in uno stadio non dovrebbe nemmeno esserci. Vi abbraccio tutti, non mollate, SIETE VOI IL FUTURO E ISEGNATE AI VOSTRI FIGLI IL VERO TIFO ATALANTINO  CHE ADORO. Contro i nuovi barbari, non dovete mollare un centimetro, abbiate coraggio nonostante i tanti commenti negativi di chi fa del calcio un campo di battaglia. In uno sport non dovrebbero nemmeno sorgere queste vicende. Poi in guerra si sa che la ragione non ce l'ha nessuno totalmente, non esistono più regole (se non quelle che devono rispettare le forze dell'ordine che restano sempre ferite), ma ad iniziarla sono sempre gli infami incappucciati.

Salvini e Belotti sono due ultras, dopo la morte del delinquente a San Siro, come al solito, 3-4 giorni di indignazione, tavoli, fiumi di parole e poi nulla è cambiato. BUF-FONI!! PAGLIACCI! 

Io ormai sto chiudendo, ma prima di farlo definitivamente, in queste settimane, mi sto togliendo tutti i macigni che mi avete messo con infamia sul cammino. Non lascio passare nulla, i veri tifosi devono sapere tutto, perchè molti sono arrivati tardi a scoprire BGNERAZZURRA e non sanno cosa è successo anni fa a partire da Doni, dove il sottoscritto, solo contro tutti, aveva condannato il capitano prima che successe quello che è successo.

ANTONIO CONTE- Feci un'intervista esclusiva a Conte (la trovate ancora nel sito) ripresa da tutti i media nazionali in cui l'ex allenatore atalantino attaccava doni  (ci fu una risposta altrettanto velenosa di Doni a Conte) e alla fine mi disse che l'Atalanta doveva scendere in B per..... Ora è finito tutto in prescrizione, potrei anche scriverlo, ma Conte mi disse di non farlo e non l'ho mai fatto, perchè prima del lavoro, del gossip, del guadagno, viene la parola, viene l'uomo, il rispetto (mai ricambiato), la dignità della persona, ma la cosa è davvero gravissima. Tutt'ora non l'ho mai detto, ma se scrivessi una cosa del genere, verrebbe giù davvero tutto. A volte vorrei dirlo per lasciare di merda i tifosi capreschi, ma li lascio farsi infinocchiare dal calcio, ci godono, come fanno poi a vivere senza Atalanta. Infatti quell'anno l'Atalanta andò in B e ci fu il cambio di proprietà.

Da li sono stato VISTO COME L'INFAME, COME QUELLO CONTRO L'ATALANTA E LA CURVA. Solo tre (3) di numero poi mi hanno chiesto scusa, a partire da 2 massimi dirigenti dell'Atalanta che mi hanno chiamato in sede per farlo. Anche questo non l'ho mai scritto però. Io ho preso molta merda per coprire altri, fidatevi. 

Prima di chiudere definitivamente, devono sapere tutti la VERITA'. Mi sono sempre battuto per un calcio onesto, un tifo sano, contro i 100 ultras violento elogiando da sempre la bellissima curva nord, una cultura sportiva civile, contro ogni pregiudizio, complotto folle, dietrologia, piagnisteo. Ho sempre scritto spogliandomi dal tifo che per definizione non è obiettivo, ho sempre scritto quello che pensavo dicendovi tutto nonostante i mezzi a disposizione a livelli di pallottoliere contro computer della Nasa. 

Da solo (salvo una breve e grandissima collaborazione di un anno con Luca Bonzanni ora all'Eco), ho tenuto aperto un blog per passione contro tutto e tutti. Ho subito minacce, scritte, visite ultras sotto casa, un aggressione da parte di 40 ultras a Zingonia capitanati dal Boccia che mi diede pure un pugno (mai denunciato!). In quella occasione il Baffo.... Va beh niente, lui lo sa, ho avuto modo di parlargli alcune volte e ringraziarlo di persona. Sa molte cose che altri non sanno.  

Chiunque sano di mente avrebbe chiuso da anni, IO NO, ho sempre detto che sarò io a decidere quando chiudere e ora ho deciso di farlo, ma prima di andarmene definitivamente nell'oblio, la gente deve sapere molte verità mai dette. Sono contento di sapere che Roberto Belingheri dell'Eco e Cesare Malnati, porteranno avanti la cultura del tifo senza dietrologie o campanilismi assurdi contro ogni tipo di violenza. 

Spero che per qualche like in più, non si vendano alla massa populista o violenta. Seguite loro, gli altri opinionisti devono mangiare nella pastoia, sono dei venduti. Vi masturbano il cervello, ma poi vi assicuro che in privato vi prendono per dei mentecatti. Non faccio nomi, ma sono dei furbi, hanno capito come trattare il popolo asino del calcio e fanno carriera.