Inter su Kulusevsky per gennaio. Critiche a de Roon, per i tifosi non tutti i giocatori sono uguali

08.11.2019 09:10 di Luca Ronchi   Vedi letture
Inter su Kulusevsky per gennaio. Critiche a de Roon, per i tifosi non tutti i giocatori sono uguali

Mancano 2 mesi all'apertura del calcio mercato di riparazione, ma l'Inter, su diktat di Conte si sta già muovendo. Tra i veri obiettivi, uno potrebbe essere l'atalantino Kuluvesky in prestito al Parma. Oltre a convincere i ducali, a giugno ci sarà da battere la concorrenza dei club inglesi che si sono fatti avanti per l'ennesimo gioiello in casa Atalanta che verrà ceduto a 20-30mln, per poi rivelarsi sul campo di un top club, un giocatore da 5-6mln. Finchè non lo capiscono, Percassi gongola. 

DE ROON- E' proprio vero che tutti i maiali sono uguali, ma qualcuno è più uguale degli altri. Vale così anche per gli atalantini a cui se tocchi Ilicci e Gomez si incazzano come puma, ma poi hanno il coraggio di criticare un momento sottotono di de Roon. L'olandese ha il difetto (o il pregio), di non leccare il culo, di lavorare tanto e parlare poco, di farsi il culo quadrato in campo e in allenamento, ma non sa vendersi come Ilicic che fa la prima donna o punta i piedi se non gli viene allungato il contratto fino a 35 anni quando girerà in carrozzina. Non è un personaggio social come Gomez. E' il classico giocatore bravo ragazzo che fa il suo senza rompere i maroni a nessuno. 

Non sono di quelli che vi dice di andare a tifare Brescia, Juve o Barcellona se criticate in modo costruttivo la squadra, anzi, ben vengano le critiche che servono a crescere, ma su de Roon, le pesanti critiche che girano in queste ore, sono a dir poco da TSO immediato. Poi ognuno la vede come vuole, ci mancherebbe. Per me è molto più condannabile Ilicic che vi ha fatto perdere contro il Cagliari (anche senza quell'espulsione i sardi avrebbero vinto comunque a mio avviso) e non vi ha fatto vincere contro il ManCity, rischiando di farvi perdere se Gabriel Jesus non avesse sbagliato il rigore per motivi diplomatici. A proposito, se avessero espulso Gollini per un'uscita su Auguero che cercava appositamente il contatto trascinando la gamba, avreste gridato allo scandalo e ai poteri forti. Ridicoli, come lo è quel giornalista che difende (giustamente) la sua squadra  dalle polemiche atalantine per i rigori dati alla Lazio (uno netto l'altro si poteva dare come non dare), per poi fare il populista sugli episodi di Napoli e per il recupero di mercoledi sera. Era uno dei pochi obiettivi rimasti tra i giornalisti locali, ma si è venduto pure lui alla massa. 

E' più colpevole Gasperini che ha buttato alle ortiche punti pesantissimi contro lo Shakthar, Torino e Lazio per il suo modo di fare da fenomeno, escludendo che a volte, giocare come il ManCity negli ultimi 7 minuti di mercoledi, ti porta al risultato facendoti dimenticare il COME!!! Lo capirà il fenomeno Gasperini?