L'Atalanta tratta con Raiola per un centrocampista del PSV. Un altro esterno a gennaio, magagna Arana. Zapata altro consulto a Roma. Come vi avevo prospettato, niente Champions

04.12.2019 06:55 di Luca Ronchi   Vedi letture
L'Atalanta tratta con Raiola per un centrocampista del PSV. Un altro esterno a gennaio, magagna Arana. Zapata altro consulto a Roma. Come vi avevo prospettato, niente Champions

L’Atalanta è sempre attiva sul mercato, alla ricerca di talenti giovani che possano fare alla differenza. Nelle ultime ore c’è stato un incontro tra il club bergamasco e Mino Raiola per parlare di Pablo Rosario, centrocampista olandese classe 1997 di origini dominicane, in forza al PSV, contratto in scadenza nel 2023. Mezzala classica di grande fisicità, perfetta per il 4-3-3, già in passato era stato seguito da qualche club italiano (in modo particolare Napoli e, recentemente, Lazio) con riscontri molto positivi. Adesso l’Atalanta ci pensa concretamente: l’incontro è servito per avere informazioni sulla valutazione (già in doppia cifra), in attesa di ulteriori sviluppi.

IGOR-Vi ricordate la finta ubriacante, quanto inutile, del brasiliano Igor in Spal-Atalanta che permise ai ferraresi di passare sul 2 a 0, poi ribaltato da Muriel? Ecco, probabilmente quel quintuplo passo, ha stregato i dirigenti nerazzurri che ora hanno messo gli occhi sul giocatore.  l’Atalanta pensa al campionato e alla prossima campagna acquisti di gennaio.

Il difensore brasiliano classe 1998 è arrivato a Ferrara in estate proveniente dall’Austria Vienna. Giovane ma già capace di ben impressionare in Serie A.  Dieci presenze e un assist finora per Igor, su cui l’Atalanta ha messo gli occhi. La squadra di Gasperini (che ieri ha vinto il premio come miglior allenatore) lo segue infatti da alcune partite e presto potrebbero farsi avanti. 

ARANA- Dunque un altro esterno potrebbe arrivare a Bergamo, con Arana che nel frattempo chiede più spazio e la cessione a gennaio. Non si capisce il motivo per cui è stato preso e fatto giocare pochi minuti. Per altro, non mi è sembrato affatto male, veloce e buoni cross per quel poco che ha potuto far vedere. Gasperini però l'ha bocciato, un po' come aveva fatto con Kulusevski. Non si capisce perchè si sono attesi i vari Freuler, de Roon, Pasalic due anni, mentre Kulu è stato bocciato dopo 2 mezze partite.

ZAPATA- A proposito dell'infortunio, il colombiano è appena tornato dalla Spagna, dove si era recato per ulteriori cure: "Non so ancora una data precisa per il mio rientro in campo, perché si tratta di un problema fisico dal quale devi guarire bene. Il tendine è complicato, se l'infortunio fosse stato solo sul muscolo, allora sarei stato già a disposizione".  Ah ecco! Non era solo uno stiramento muscolare, ma pure il tendine è stato lesionato. La musica cambia totalmente. Come al solito si sono fatte congetture, tesi affrettate, accuse infondate, senza sapere come stavano le cose. Ho sentito giornalisti parlare di mal di pancia di Zapata e di imminenti cessioni. Follia! Ma le congetture, sono dettate anche dal silenzio della società che su queste cose ha sempre mantenuto il riserbo più assoluto. 

Dovesse trattarsi di uno strappo al tendine (cosa esclusa dai controlli fin qui effettuati), altrochè 5 settimane, ci vorranno almeno 3 mesi. Intanto il colombiano continua il tour in giro per il mondo a cerca di risposte certe soprattutto a livello psicologico, più che un medico ci vorrebbe uno psichiatra. Ieri è stato a Roma dal Dott.Mariani. Come vi avevo annunciato, rispetto a  tutti i tifosi e giornalisti esperti di medicina, il colombiano salterà anche la trasferta in Ucraina.