L'Europa logora chi non la fa. Ecco quanto incassa l'Atalanta con il passaggio ai sedicesimi di Europa League

 di Luca Ronchi  articolo letto 2532 volte
L'Europa logora chi non la fa. Ecco quanto incassa l'Atalanta con il passaggio ai sedicesimi di Europa League

A volte può essere un peso fisico e mentale, alcune squadre sono addirittura contente di non avere l'impiccio delle coppe a metà settimana, ma la sensazione è che l'Europa logora chi non la fa, sia a livello sportivo che economico. 

Le pagine bergamasche del Corriere della Sera oggi si preparano alla partita di domani facendo i conti in tasca dell’Atalanta e concentrandosi sull’aspetto economico dell’Europa League. 

Il valore della sfida dell’Atalanta contro il Lione di domani sera è anche un tesoretto economico, oltre al prestigio e alla possibilità, per ora sulla carta, di trovare avversari più abbordabili ai sedicesimi di finale di Europa League.

La vittoria del gruppo vale 600 mila euro, mentre il secondo posto vale 300 mila euro. I nerazzurri, per garantirsi il primato, devono come minimo pareggiare contro i francesi. Questo risultato garantirebbe altri 120 mila euro. In caso di successo, invece, sarebbero 360 mila.

L’Europa conta. Soprattutto per una società attenta ai bilanci come quella atalantina. Per ora ha già fruttato 4,42 milioni solo per il risultato sportivo (qualificazione ai gironi, qualificazione ai sedicesimi, tre vittorie e due pareggi) a cui bisogna aggiungere la quota del market pool (per una cifra che potrebbe andare dai 5 ai 6 milioni), il cui valore dipende dai diritti televisivi e dalla ripartizione degli stessi tra le squadre di uno stesso Paese e che varia anche in base al cammino di una squadra all’interno della competizione. Non si dimentichino gli incassi dei biglietti e gli abbonamenti da stadio. Le gare contro Everton e Apollon hanno procurato circa 570 mila euro, a cui bisognerà aggiungere circa 300 mila euro dall’impegno con il Lioneun totale di oltre 10 milioni di euro.
Infine, va considerato anche l’indotto, dato che l’Europa League dà visibilità.