La seconda bestemmia è della società: ricorso contro la squalifica del Gasp, Samp e Fiorentina non scappano. Freuler nel mirino del Borussia, ma si accelera per il rinnovo, già tre fumate nere.

20.09.2018 10:52 di Luca Ronchi  articolo letto 2253 volte
La seconda bestemmia è della società: ricorso contro la squalifica del Gasp, Samp e Fiorentina non scappano. Freuler nel mirino del Borussia, ma si accelera per il rinnovo, già tre fumate nere.

Premesso che a casa mia, sono il primo dei bestemmiatori (capita molto poco eh), ma se c'è una cosa che non sopporto, è l'imprecazione gratuita pubblica o scritta sui social, per sentirsi grandi. Per un non credente,, bestemmiare o dire "pufferbacco", è la stessa cosa, ma per rispetto nei confronti di chi crede, la bestemmia pubblica è un comportamento incivile e cavernicolo.

Si possono capire i momenti di tensione e rabbia, per cui a tutti può scappare la bestemmia, ma se c'è un regolamento, in questi casi è giusto prendere la sanzione e stare zitti e magari chiedere pure scusa. La sfortuna degli allenatori è che sono a tiro di scoppio del quarto uomo che sentono tutto, mentre per un giocatore, è più difficile sentire la bestemmia e dal labbiale si può sostenere di aver  "orco zio", "zio cane" e via di queste sciocchezze.

Dopo la bestemmia in diretta tv, invece di chiedere scusa, Gasperini non ha detto nulla, mentre la società ha fatto addirittura ricorso per togliere la squalifica. La Juventus, per lo sputo di Douglas Costa (gesto deprecabile), non solo non ha fatto ricorso, ma ha pure pesantemente multato il giocatore. 

Il ricorso della società per la bestemmia, è una bestemmia! 

Parlando di calcio giocato, finisce in parità il recupero di campionato tra Sampdoria e Fiorentina. Le due squadre salgono a 7 punti, con la Spal a 9 e il Sassuolo a 8. L'Atalanta è ferma a 4 con il Milan che però a ottobre dovrà recuperare la prima giornata di campionato contro il Genoa. Per i nerazzurri il pareggio del Marassi è stato indubbiamente un buon risultato, perchè è importante che nessuna diretta concorrente per l'Europa League prenda il largo, restringendo a 2-3 squadre la lotta per la qualificazione.

FREULER- Nel tardo pomeriggio di martedì terzo «face to face» in un mese tra Giovanni Sartori, responsabile dell’area tecnica, e l’entourage di Remo Freuler. Sul tavolo rinnovo e adeguamento del contratto: richiesta iniziale di 900.000 euro (500.000 euro l’ingaggio attuale), molto probabilmente sarà aggiunto un anno all’attuale scadenza (2022). L’incontro, seppur positivo, non è da considerare decisivo. Si va avanti a trattare, con l’obiettivo comune di chiudere al più presto. Per il centrocampista della Nazionale svizzera, dopo gli interessi in estate da parte di Fiorentina e Lazio (che ha poi chiuso per Milan Badelj), da registrare i sondaggi di Borussia Mönchengladbach e Borussia Dortmund