Oggi l'Atalanta prova il miracolo all'Uefa. San Siro? Impossibile.

20.06.2019 13:30 di Luca Ronchi   Vedi letture
Oggi l'Atalanta prova il miracolo all'Uefa. San Siro? Impossibile.

Oggi, Una delegazione di professionisti coordinata da Roberto Spagnolo, direttore operativo dell’Atalanta B.C. e coordinatore unico dei lavori per lo Stadio Atalanta sarà domani, giovedì 20 giugno, a Nyon per incontrare i rappresentanti della Uefa riguardo ai lavori di riqualificazione dello stadio di Bergamo. Lo comunica la società come già anticipato durante l’incontro di aggiornamento lavori con la stampa dell’11 giugno scorso.

La società nerazzurra ha chiesto una deroga per disputare le gare europee a Bergamo. Le prime due partite casalinghe di campionato l’Atalanta le giocherà a Parma, per quanto riguarda invece l’attesissimo appuntamento con le sfide di Champions non c’è ancora nessuna decisione.

in caso di probabilissimo rifiuto (le regole valgono per tutti, le deroghe aprirebbero dei precedenti inammissibili), l'Atalanta giocherà a Reggio Emilia, ma qualcuno ha ipotizzato San Siro, in caso di rifiuto del Milan a partecipare all'Europa League. Anche questa ipotesi è molto difficile, al limite dell'impossibile per via della capienza di San Siro che, anche nella più ottimistica delle ipotesi di portarci 30mila spettatori, sembrerebbe vuoto e soprattutto i costi di gestione da pagare al Comune di Milano, mentre al Sassuolo i nerazzurri non devono dare un centesimo se non le spese per luci e sicurezza.