Roberto Togni:"Con Bergamonerazzurra ho scoperto la libertà di opinione e informazione. Non chiudere". Ormai ho il rigetto, non leggo e non ascolto più nulla sull'Atalanta.

19.03.2018 13:00 di Luca Ronchi  articolo letto 1481 volte
Roberto Togni:"Con Bergamonerazzurra ho scoperto la libertà di opinione  e informazione. Non chiudere". Ormai ho il rigetto, non leggo e non ascolto più nulla sull'Atalanta.

Buon giorno, mi chiamo Roberto,.
Caro Luca, sono un tuo nuovo lettore.
Mi rendo conto di quanto tempo ho specato leggendo giornali nazionali e cittadini, riguardo la nostra amata Atalanta.  Leggevo solo cose scontate e molto spesso ripulite, per scrivere solo quello che la massa vuole leggere!.
Da quando leggo il tuo blog, mi rendo conto quanto sia importante conoscere la verità , a volte dura, a volte non piacevole.
Ma questa è la verità è la realtà.
Leggendoti, mi sono reso conto che il calcio è tutt’altra cosa, rispetto alle fandonie che scrivono i giornali ,o che dicono i commentatori della tv
 locale della nostra città, hai ragione, il calcio non è solo gioia.
Voglio farti i miei più sentiti e sinceri complimenti. Grazie a quello che scrivi, hai trovato in me, un nuovo sostenitore,
Una sola richiesta, VAI AVANTI.
con stima e ammirazione Roberto.

CIAO Roberto, 

grazie di cuore, mi hai quasi commosso.... Per tifosi come te, non chiuderei per nulla al mondo, ma la il grado di sopportazione di quello che gira intorno al mondo pallonaro ormai è finito da tempo.

Ho il rigetto di tutto ciò che è Atalanta, polemiche, var, interviste post partite etc etc. Prima, per dovere e passione, non mi sfuggiva nulla, leggevo tutto e di più per non restare "ignorante", ma ora non lo faccio più, non ne ho più l'interessa e la voglia. Non seguo nemmeno più quella trasmissione del lunedi sera (TuttoAtalanta con Sulas capo dei tifosi antisportivi inquina pozzi dell'Atalanta), covo di ultras in giacca e cravatta.

Ti ringrazio di cuore della tua lettera, sono soddisfazioni che ripagano di 10 anni di lavoro in solitudine contro tutti i pregiudizi.