Zapata va in Spagna, c'è qualcosa che non quadra. Crtitiche feroci a de Roon, mistero.

26.11.2019 08:38 di Luca Ronchi   Vedi letture
Zapata va in Spagna, c'è qualcosa che non quadra. Crtitiche feroci a de Roon, mistero.

Ma cosa cavolo ha Zapata? Un blocco psicologico di rifarsi male? Non si spiegherebbero i 45 giorni d'assenza per uno stiramento di primo grado (primo grado), con tempi di recupero medi di un mese per un impiegato del catasto, 3 settimane a dir tanto per un professionista con la Nasa a disposizione per curarsi. 

Oppure qualcuno non ci ha detto la verità sull'entità dell'infortunio, ma per questioni di privacy, qui mi tocca fermarmi e riportare la versione ufficiale della società:"Il problema Zapata non esiste: non c’è perché non è guarito. Non si gioca a calcio se si ha paura di calciare", aveva detto sabato mister Gasperini. Per questo, oggi il colombiano volerà a Siviglia da Carlos Alberto Pedrosa, fisioterapista e esperto in riabilitazione sportiva, un amico che oggi gestisce un centro a Siviglia e conosce bene i suoi muscoli per averli curati ai tempi di Udine. Per quanto mancherà ancora? Si possono ipotizzare almeno quindici giorni se starà in Spagna una settimana, come da programma. 

LA VERITA'- Ho saputo qualche dettaglio in più della situazione, vedrò se in giornata posso dirvi qualcosa che non vada ad invadere il campo della privacy del giocatore, ma non tutto ciò che sembra è come appare. Un po' come alcune immagini uscite a distanza di mesi degli ultras che cercano di sfondare un cancello a caccia dei tifosi fiorentini, ma come al solito si vuole far passare quello che fa più comodo, omettendo dettagli che spesso diventano determinanti per ribaltare una sentenza che a Bergamo, dai tifosi alle istituzioni, avevano già scritto. Ennesima badilata di merda in faccia alle capre. 

DE ROON- Pensate se le critiche feroci che viaggiano in rete in queste settimane a de Roon, le avessi fatte io. Apriti cielo. Invece, se la fanno i tifosi va tutto bene. Rispetto le opinioni di tutti, tranne quelle degli idioti che non meritano nessun rispetto, ma criticare l'olandese francamente non lo capisco proprio. Non ha i piedi di Modric, non farà molti gol, ma a centrocampo, quello più tecnico è Freuler, non de Roon che ha compiti di rottura e raccordo tra attacco e difesa. Averne di giocatori che corrono, si impegnano, danno l'anima in ogni partita come lui. Poi chiaro che non è un pallone d'oro, ma è pur sempre un nazionale olandese, non uno scemo. Molto peggio ha fatto Ilicic per mesi, ma come al solito, certi giocatori hanno l'immunità dei tifosi, magari sono proprio quelli più distaccati, menefreghisti, quelli che giocano quando ne hanno voglia, tutto il contrario di de Roon che è un professionista esemplare e una persona che a fine partita va a salutare il pubblico. Troppo perbenismo, in un mondo dove i dannati vengono osannati, non porta frutti sperati.