Filippo:"Grazie per l'informazione libera" Un abbraccio immenso a tutti voi

31.08.2016 15:18 di Luca Ronchi   Vedi letture
Filippo:"Grazie per l'informazione libera" Un abbraccio immenso a tutti voi

"Voglio trasmetterti il mio apprezzamento per il tipo di informazione che proponi: alternativa, sicuramente schietta e fuori dal coro della processione dei soliti noti integrati nel sistema. E' un refolo di aria pulita proposto con semplicità....complimenti!” Filippo.


Di fronte ad una mail del genere, dovrei semplicemente nascondermi per l’imbarazzo e la vergona, ma ho voluto aprire così, perché tra le centinaia (giuro, mai successa una cosa del genere in 9 anni), questa ha riassunto in poche righe nove anni di Bergamonerazzurra.

INFORMAZIONE LIBERA- C’è chi la chiama incoerenza e chi informazione libera. Io in questi anni non ho MAI leccato il culo a nessuno, osservavo, ascoltavo, mi facevo un opinione (come tale opinabile), e scrivevo, giudicando dal collo in giù, senza guardare in faccia a nessuno. Mi sono preso querele con avvocati pagati da me senza redazioni alle spalle, cosa che dubito siano disposti a fare tutti. Facile scrivere su Facebook, meno su un blog registrato e autorizzato. Facile poter scrivere a fatti con il senno di poi, più complicato e rischioso farlo con il senno del prima.


Ho criticato la società quando era da criticare, così come nell’ultimo anno l’ho appoggiata perché secondo me stava facendo le scelte giuste, a partire da certe cessioni ineluttabili e utili ai fini dei conti. Ho elogiato il Denis dei primi due  anni e ferocemente criticato negli ultimi due, in mezzo a migliaia di tifosi che, non passavano giorno per insultarmi, per poi alla fine darmi ragione (pochissimi per la vertità. Tanti pronti a fucilarti, pochissimi a chiederti scusa).

Idem per Pier Paolo Marino, l’ho sempre criticato, partendo da solo contro tutti che lo idolatravano come il dio in terr, per poi accorgersene del grande bluff. Ora Sartori: rispetto a Marino parliamo di un altro spessore, ma come c’è da fargli un monumento per de Roon, per altre operazioni, va criticato: Djimsiti, Freuler sono stati due flop clamorosi e ora attendiamo il rendimento dei nuovi acquisti. Non solo, la gestione dei casi Stendardo, Pinilla e Sportiello, è stata un disastro totale. Fare il direttore sportivo e generale, sono due ruoli differenti.

Tutto questo per dirvi che non ho pregiudizi nei confronti di nessuno, non devo stendere tappeti rossi a nessuno per poter scrivere, non guadagno un centesimo se mi leggono in 2 o in 20.000. Anzi, mi piacerebbe che ognuno di voi, potesse pubblicizzare il blog al vicino di banco, di ufficio, in palestra, al bar, a tutti i tifosi moderati, civili, aperti ad un informazione libera da vincoli.

Posso essere duro in certi commenti, spesso volgare, ma è tutto voluto, senza filtri, scrivo come se vi stessi parlando in palestra, in bici con gli amici durante una salita interminabile, come se fossimo su Facebook. Perché cambiare linguaggio o mettersi una maschera? Stiamo parlando di calcio, chi si sente offeso per un certo tipo di linguaggio, oppure per errori di sintassi, legga L’Eco di Bergamo o altri siti che, per lavorare devono scrivere con un colpo al cerchio e uno alla botte per non urtare la sensibilità di alcuni dirigenti o calciatori permalosetti.

Scrivo sempre d'impulso, penso e scrivo senza rileggere nemmeno ciò che scrivo. Ho passato anni all'università alla ricerca del vocabolo giusto, ora me ne strafotto di star qui a ricercare un linguaggio da primo della classe per parlare di Atalanta. Chissenefrega!


Qui mai sentirete dare la colpa all’arbitro per una sconfitta, cercherò sempre i problemi in casa nostra, perché alla fin fine, 99 su 100, la colpa di una sconfitta è da ricercare in casa, non ci sono balle. Nessuno ce l’ha su con l’Atalanta, la dimostrazione è che da 6 anni si salva senza patemi. Se davvero volevano danneggiarla, avevano mille possibilità per farlo. Dal calcio scommesse, potevano farla sparire dal calcio professionistico, invece l’hanno graziata con 6 punti di penalità il primo anno e 2 il secondo. Chi è onesto sa che gli hanno salvato il culo, il resto sono chiacchiere.

Ringrazio tutti quelli che mi hanno scritto, non faccio nomi perché sicuramente dimenticherei qualcuno. Complimenti, opinioni, considerazioni, consigli, critiche, delusioni nei confronti della società etc etc. Ho letto tutto con la massima attenzione, rispondendo in modo sintetico a tutti (nessuno escluso di quelli non bloccati ovviamente), per far vedere che avevo recepito il loro messaggio.
Promesso che da oggi, piano piano risponderò a tutti con un editoriale riassuntivo o personalmente sul blog.  GRAZIE, NON RIESCO AD AGGIUNGERE ALTRO.