Tre giornate a Paquetà. Dovevano favorire il Milan? Ridicoli. I 100 idioti che governano il calcio. I complottisti non arretrano nonostante l'evidenza. Ha ragione quel giornalista...

07.05.2019 09:35 di Luca Ronchi   Vedi letture
Tre giornate a Paquetà. Dovevano favorire il Milan? Ridicoli. I 100 idioti che governano il calcio. I complottisti non arretrano nonostante l'evidenza. Ha ragione quel giornalista...

PAQUETA'- Pensate se Gomez avesse subito un fallo da espulsione (da dietro), e l'avversario non sarebbe stato espulso. Sicuramente ci sarebbero stati i piangina in rivolta. Pensate poi se l'arbitro avesse ammonito  Gomez mettendogli una mano addosso. I piangina avrebbero alzato i decibel del piagnisteo. Pensate se poi oltre a questo, Gomez sarebbe stato espulso per aver tolto con eccessiva foga dettata dallo stupore, la mano dell'arbitro e fosse stato espulso. Avreste chiamato la neuro. Ora pensate se alla fine Gomez avrebbe preso pure 3 giornate. Qui avreste smesso di crederci, perchè avreste pensato di essere su Scherzi a Parte.

Il bello che ancora oggi certi psicopatici atalantini dicono che favorirenno il Milan. Malati cronici da rinchiudere per esperimenti scientifici  al posto degli animali. 

Invece è successo tutto questo al Milan e in particolare a Paquetà, espulso ingiustamente e vergognosamente squalificato per 3 giornate. Dunque una reazione sconcertata, vale più di una manata in viso a un dirigente avversario (Gasperini), tre vaffanculo urlati in faccia all'arbitro (solo ammonizione per Totti), degli insulti ripetuti e minacce di Higuain all'arbitro in Udinese-Napoli (3 giornate), lo sputo di Douglas Costa a un avversario (4 giornate). Potrei andare avanti fino a domani.

Il Milan non andrà in Champions nemmeno se le altre squadre si addormentassero, ma francamente, gli episodi delle ultime giornate fanno molto pensare. Voi comprensibilmente parlate di complotti perchè doni e masiello vi hanno educato a vedere il marcio ovunque, ma i fatti parlano chiaro. Tre rigori netti negati, due espulsioni folli, un rigore assurdo dato al Torino SOLO NELLE ULTIME 8 GIORNATE. MIstero. Nessuno piange in casa Milan, non esiste nessun complotto, ma le grandi squadre, a differenza delle medio piccole, sono aziende, hanno dietro sponsorizzazioni aziendali, holding internazionali, ci sono giochi di potere economico  che vanno oltre l'aspetto sportivo, ma non ve lo spiego nemmeno, non lo capireste, "Solo 'talanta il resto avansa"

I 100 idioti che un tempo venivano isolati nei bar di periferia, oggi hanno trovato nei social la loro ribalta. E' come se avessimo affidato un giornale da milioni di lettori, a 100 cialtroni incapaci di intendere e di volere che spesso sono quelli che hanno più visibilità, perchè sfogano più di altre le loro frustrazioni in rete. 

Sono quelli che si irritano perchè su altre pagine dei tifosi ridicolizzano l'Atalanta (stra meritatamente) in Champions nonostante i vostri continui "Il Palazzo non ci vuole in Europa", poi danno delle merde ai bresciani, sollevano certezze di frode sulla cessione del Milan, sfottono il Torino, insultano il Chievo che gioca con professionalità a Bergamo, Maran che si salva sempre con le sue squadre,  minimizzano una manata da K.O di Gasperini, poi da giustizialisti meschini, chiedono squalifiche a vita per un fallo di mano. 

Un ambiente marcio alla radice, ci vuole una profonda battaglia culturale, ma credo sia una partita persa, purtroppo questi 100 idioti sono quelli che spendono soldi per mantenere in piedi il carrozzone. Su di loro l'azienda calcio guadagna milioni, specula sull'ignoranza di questa gentaglia sottosviluppata. Ogni piazza ha le sue quote di idioti, ma in un'ipotetica classifica, Bergamo sarebbe da scudetto. 

HA RAGIONE UN NOTISSIMO GIORNALISTA NAZIONALE QUANDO MI HA SCRITTO:"Purtroppo Bergamo è ostaggio dei delinquenti e dei complottisti". Peccato, perchè vi stanno rovinando anni che resteranno nella memoria, non solo dei bergamaschi, ma del calcio italiano. BRAVI, COMPLIMENTI 100 IDIOTI! 

C'è un certo L.F. che continua imperterrito nella sua follia social a scrivere cagate planetarie, puntualmente messe a tacere da Alessandro D. L'ultima perla di questo Luca:"Il Milan ha la stra spianata, si sa come funzionano le cose in Italia". Al di là del fatto che il post verrà girato a qualche avvocato, spiegaci tu come funziona in Italia per il Milan, soprattutto nelle ultime 8 giornate, dove i rossoneri hanno fatto la miseria di 8 punti, visti negare 3 rigori netti (quello a Torino ha del clamoroso), due espulsioni (quella di ieri a Paquetà vergognosa) che a Bergamo avrebbero fatto scendere in piazza l'artiglieria pesante. Però come hanno reagito i tifosi del Milan? Zero polemiche, anzi, ancora una volta hanno attaccato Leonardo che parlava del quinto posto come un buon risultato e di alcuni episodi a sfavore. Io sono contro i complotti, ma gira voce che ci sia dietro una questione extra calcio contro il Milan, qui mi fermo, ma certe società sono aziende con dietro interessi economici ben superiori rispetto a piccole realtà.

Perchè, perchè siete così malati, perchè??? Io sono per la libertà di opinione, ma questo soggetto va isolato da quella bella pagina social, è un danno all'immagine di tutti i tifosi civili, sportivi. Stavano parlando di quanti punti avrebbe potuto fare l'Atalanta e le altre squadre, una discussione civilissima ed ecco arrivare questo demente che spero venga querelato pesantemente, così la finisce di fare il malato mentale impunemente. 

L'ATALANTA POTREBBE SCRIVERSI ALLA PREMIER per quanto corre, per come sta progettando il futuro societario, per gestione, ma i tifosi non riescono a vedere queste cose di cui ne parlano in tutto il mondo. Anzi, si lamentano se in America parlano dell'Atalanta:"Pòta figa, se ne sono accorti ora", invece di godersi un momento storico, pensano ai "Brasciani maiali". 

Niente, è più forte di voi, però non vi lamentate se poi vi danno dei cavernicoli. Ve le andate a cercare. Affidiamoci ad Alessandro D.